Genova: raddoppia la produzione di vino in provincia

Quest’anno, in provincia di Genova, le imprese agricole hanno prodotto oltre 400mila litri di vino con un trend in crescita del 90% rispetto all’ultimo triennio

Quest’anno, in provincia di Genova, le imprese agricole hanno prodotto oltre 400mila litri di vino con un trend in crescita del 90% rispetto all’ultimo triennio. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Genova su dati Istat in occasione dell’apertura della prima “Cantina degli Abissi” a Sestri Levante che punterà a valorizzare, attraverso la formula dell’enoturismo, le produzioni autoctone locali e con esse l’intero territorio a testimonianza dell’indissolubile legame tra terra e mare che esiste nella nostra regione.

«Quella che sarà presentata - ha spiegato la Coldiretti - non è una cantina nel senso classico del termine, con sale di imbottigliamento, botti e bottiglie, ma è la fedele ricostruzione di un ambiente marino, con inserito un vero acquario. La struttura ospiterà le bottiglie di “Abissi Bisson”, lo spumante metodo classico, ideato nel 2008 da  Pierluigi Lugano. L’innovativo metodo di affinamento legato al mare di Portofino a 60 metri di profondità, lì dove l’ambiente permette di avere una temperatura costante di 15 gradi, penombra e correnti che cullano le bottiglie agitando i sedimenti che vanno ad arricchire lo spumante di profumi e struttura. Perfetto equilibrio dato anche dalla pressione (7 bar) di profondità del mare e dall’assenza di ossigeno che evitano scambi e perdita di pressione nelle bottiglie. Infine, il valore aggiunto del vissuto in mare, testimoniate dalle incrostazioni che hanno rivestito le bottiglie, creando effetti e connotati tali da restituirci ogni bottiglia unica e diversa dalle altre».

«La viticoltura nella nostra provincia – hanno concluso il presidente di Coldiretti Genova Valerio Sala e il Direttore Provinciale Francesco Goffredo - sebbene ancora una nicchia nell’ambito della quale si producono vini d’eccellenza e spumanti ottenuti con metodo classico, sta crescendo sia in qualità che in quantità. Nell’annata 2018 sono stati raccolti 4500 quintali di uva che hanno prodotto circa 550mila bottiglie di vino, due su tre (66,5%) a denominazione Doc o Igt con un buon riscontro sul mercato nazionale ma che si stanno facendo strada anche a livello mondiale, grazie al continuo sviluppo del settore. A livello nazionale si parla di vero e proprio boom dell’enoturismo, comparto che oggi genera un indotto turistico di quasi 3 miliardi di euro l’anno ed ha conquistato nell’ultima manovra il suo primo storico quadro normativo e che, grazie ad aziende come Bisson che puntano alla valorizzazione del territorio, potrà ottenere dei buoni riscontri anche nella nostra regione».

Potrebbe interessarti

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

  • Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

I più letti della settimana

  • Tragedia a Sampierdarena, 19enne muore cadendo nella tromba delle scale

  • Cade dalla finestra e precipita su nonna e nipote: tragedia a Castelletto

  • Schianto in A7: muore 19enne, gravissimi due amici

  • In Lungomare Canepa apre "Belin", il bar "autogrill" tutto genovese

  • Tragedia sul Monte Bianco: muore vigile del fuoco genovese, gravissimo collega

  • Spaccia in centro storico, Cassazione annulla arresto: «Vicoli hanno aiutato la polizia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento