Saldi invernali al via, scarpe e abbigliamento i più desiderati

Sabato 5 gennaio prendono il via i saldi invernali 2019 in Liguria. Un nuovo paio di scarpe è l'acquisto in saldo più desiderato dagli italiani, indicato dal 28%. Seguono i prodotti di maglieria, preferenza per il 22%

Le Feste devono ancora finire e già prende il via la corsa agli sconti nei negozi. Sabato 5 gennaio prendono il via i saldi invernali 2019, data comune alla Liguria e a tutte le altre regioni d'Italia ad eccezione di Basilicata, Sicilia e Valle d'Aosta, dove le vendite promozionali sono già partite. 

Secondo l'indagine di Confesercenti-Swg, a livello nazionale saranno circa 280mila le attività che vi aderiranno, con i negozi di moda e tessile a fare la parte del leone. Quasi un italiano su due, il 47% della popolazione, approfitterà dell'occasione per fare almeno un acquisto valutando di investire, mediamente, 122 euro a persona, pari a circa 280 euro a famiglia. 

Un nuovo paio di scarpe è l'acquisto in saldo più desiderato dagli italiani, indicato dal 28%. Seguono i prodotti di maglieria, preferenza per il 22% di chi partecipa ai saldi, e i pantaloni (14%). Alto l'interesse anche per i prodotti tessili e moda per la casa (9%) e per i capispalla, come giubbotti e giacconi, ricercati dal 7% dei consumatori.

Grande attesa per i saldi imminenti, ovviamente, c'è anche da parte dei commercianti genovesi: «Le aspettative sono importanti, perché finora il vero freddo non è arrivato e molti hanno rimandanto l'acquisto di capi invernali, per cui nostri magazzini hanno ancora un ampio assortimento - spiega Francesca Recine, presidente di Fismo Confesercenti Genova -. Per questo prevediamo di partire subito con sconti più alti della media e di intercettare un numero elevato di clienti, data anche la riscoperta del commercio al dettaglio».

Una considerazione, quest'ultima, che deriva dal buon esito delle vendite nel periodo festivo. «Nonostante un clima ancora mite, che certo non ha aiutato il tessile - riferisce ancora Recine -, lo shopping natalizio quest'anno va in archivio con una piacevole sorpresa, avendo registrato un dato sostanzialmente in linea con l'anno passato. Il negozio di tradizione e di vicinato a Genova resiste, e questo significa che la nostra città riconosce il valore del commercio di prossimità e dei suoi esercenti. Usciamo da un anno che, per evidenti ragioni, a livello locale è stato molto travagliato, ma confidiamo in una ripresa che passi anche per il turismo, che si sta rivelando sempre di più una grandissima risorsa, e su cui stiamo lavorando con buoni risultati insieme all'amministrazione».

Tornando ai saldi, la presidente Fismo conclude con i consigli di prammatica ai consumatori: «Controllare che sui cartellini della merce esposta sia sempre indicato il prezzo di partenza sul quale viene praticato lo sconto, e conservare gli scontrini per un eventuale cambio merce. Ad ogni modo, per evitare brutte sorprese il consiglio principale è sempre quello di affidarsi al commerciante di fiducia, che saprà assistervi con quella competenza e professionalità impossibili da trovare nella grande distribuzione o nell'e-commerce».

Potrebbe interessarti

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

  • Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

I più letti della settimana

  • Tragedia a Sampierdarena, 19enne muore cadendo nella tromba delle scale

  • Cade dalla finestra e precipita su nonna e nipote: tragedia a Castelletto

  • Schianto in A7: muore 19enne, gravissimi due amici

  • In Lungomare Canepa apre "Belin", il bar "autogrill" tutto genovese

  • Tragedia sul Monte Bianco: muore vigile del fuoco genovese, gravissimo collega

  • «Ti ricordi di me?», poi spara all'ex moglie e la uccide. Caccia all'uomo

Torna su
GenovaToday è in caricamento