Addio alla Rinascente, chiusura definitiva dopo 58 anni

I sindacati hanno organizzato un presidio per fare in modo che questa ennesima chiusura non passi inosservata. Una quarantina i dipendenti senza lavoro

È arrivato il giorno di tirare giù la saracinesca, per sempre dopo 58 anni, al grande magazzino Rinascente in centro. Questa sera alle 19 davanti all'entrata principale, i sindacati hanno organizzato un presidio per fare in modo che questa ennesima chiusura non passi inosservata. Dall'annuncio dell'amministratore delegato, circa un anno fa, a oggi sono 14 i lavoratori che hanno accettato il trasferimento, mentre altri 4 hanno dato le dimissioni.

Restano una quarantina di dipendenti, che da domani sono senza lavoro, nonostante i dialoghi per cercare di trovare una soluzione: possibili acquirenti sembravano esserci, ma alla fine nessuno se l'è sentita di andare fino in fondo e insediarsi nello stabile, di proprietà di Banca Carige.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle ultime settimane la Rinascente ha effettuato una vendita promozionale e i locali sono ormai quasi vuoti. Domani si provvederà a togliere le ultime cose, poi chissà. Per la città un altro fatto negativo che si va ad aggiungere alla lunga lista di questo 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto fatale con un'auto, addio a Emanuele Bonzani

  • Schianto auto-scooter in Albaro, muore 54enne

  • Trovato morto sulle alture di Sestri Ponente, lutto per Giuseppe Terramagra

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • Coronavirus, Bassetti: «Il virus sembra avere perso forza, basta con il bollettino delle 18»

  • Liguria ufficialmente riaperta. Novità e divieti con le ultime ordinanze

Torna su
GenovaToday è in caricamento