Rossetti: "Con 235 milioni in meno in Liguria è tutto a rischio"

L'assessore al bilancio della Regione Liguria Pippo Rossetti ha espresso preoccupazione per l'impossibilità dell'ente di assolvere a servizi fondamentali come servizi sociali e trasporti

“Con 235 milioni in meno stanziati dal Governo a favore della Regione Liguria dal 2010 ad oggi vi è una grande preoccupazione per l’impossibilità di assolvere a servizi fondamentali a cominciare dal trasporto pubblico locale e dai  servizi sociali”.

Lo ha detto quest’oggi l’assessore regionale al bilancio, Pippo Rossetti nel corso dell’illustrazione del bilancio di previsione 2012 che andrà alla discussione dell’assemblea legislativa domani.  “Dal 1 gennaio di quest’anno  il taglio complessivo sulle regioni a statuto ordinario è di 6 miliardi di euro – ha specificato Rossetti – per la Liguria si parla di 235 milioni, in parte che non ci vengono dati e in parte che non possiamo spendere per il patto di stabilità. Da questi tagli poi si deve escludere l’azzeramento del fondo sociale nazionale, la conferma dell’azzeramento del fondo per gli affitti per le famiglie con bassissimo reddito e capitoli che erano sostenuti dallo Stato come la protezione civile e l’ambiente, in un momento così critico come l’attuale dopo le alluvioni che hanno colpito la Liguria”.  

“Riteniamo che con il nuovo Governo si debba aprire subito un tavolo – ha aggiunto Rossetti – attraverso la conferenza Stato Regioni perché si ponga la questione del ripristino del miliardo e 600 milioni che era stato dato nel 2010 al trasporto pubblico locale, perché è inammissibile che lo Stato demandi alle regioni il compito di decidere cosa fare dei treni”.

“E' necessario capire come fare a conciliare le politiche di sviluppo con le politiche di sicurezza sociale a cui si aggiungono le grandi emergenze dell’alluvione in Liguria, con 250 chilometri di strade distrutte nello spezzino e la necessità per la nostra regione di disporre di finanziamenti almeno per un miliardo di euro per investimenti infrastrutturali e per la messa in sicurezza del territorio. Tenendo conto inoltre  che la previsione di bilancio 2011 ammontava a 3 miliardi e 823 milioni di euro, mentre il preventivo 2012 ammonta a 3 miliardi e 771 milioni facendo registrare  52 milioni in meno”.

Contestualmente al dibattito sul bilancio che prenderà il via domani in consiglio regionale l’assessore Rossetti si augura che inizi anche il dibattito in sede  di conferenza delle Regioni per andare di pari passo a definire con quali strumenti individuare risorse. “Dal nuovo Governo – conclude Rossetti – ci aspettiamo collaborazione per decidere tutti insieme quali servizi essenziali tenere in vita  e a quali rinunciare, spiegandolo ai cittadini in una fase di grande crisi internazionale come questa”. 

Potrebbe interessarti

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Superenalotto, in Liguria un'altra vincita

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

Torna su
GenovaToday è in caricamento