Erzelli: i sindacati spingono, Susy De Martini frena: "Speculazione"

Susy De Martini, candidata sindaco per La Destra, attacca il progetto Erzelli definendolo "speculazione edilizia", i sindacati Cgil, Cisl e Uil si schierano a favore: "risorsa per lo sviluppo di Genova e per l'occupazione"

“Chiediamo al Governo e ai ministri interessati, oltre che agli enti locali, progetti, tempi e finanziamenti certi. Erzelli non è importante solo per il futuro di Genova, ma è uno dei pochi progetti innovativi presenti oggi in Italia. Lo chiediamo a gran voce: occorre dare vita al più presto al Distretto della Tecnologia”.

Con queste parole i sindacati spingono per accelerare l'iter del polo tecnologico degli Erzelli, proprio nello stesso momento in cui Susy De Martini, candidata sindaco per La Destra, nel suo discorso di presentazione agli elettori attacca il progetto definendolo "speculazione edilizia".

Ci troviamo in una fase molto delicata del progetto. L'attuale ministro Profumo, nonostante le dichiarazioni spesso prudenti, non vede così di buon occhio il parco tecnologico. Aveva parlato di "dubbia legittimità" riferendosi alle operazioni con le quali l’ex ministro Maria Stella Gelmini (e in parte il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola) aveva dato via libera all’assegnazione di contributi pubblici per i trasferimenti agli Erzelli di Ericsson e Siemens

Parallelamente proseguono i lavori volti al raggiungimento dell'accordo definitivo sul travagliato trasferimento della facoltà di Ingegneria. 

“Il Technology Village di Erzelli – scrivono i tre sindacati – dovrà diventare un polo di attrazione culturale di scienza, tecnica e società, nonché centro di attività di formazione e divulgazione di saperi legati alle nuove tecnologie. Per dare vita a questo progetto di sviluppo e occupazione occorre attrarre nuove aziende, comprese quelle di piccole e medie dimensioni”.

“Genova e la Liguria – continuano Cgil, Cisl e Uil nella nota – hanno bisogno di un patto di solidarietà, non solo tra gli attori principali, ma anche tra imprese grandi, piccole e medie. Questo occorre anche al Paese Italia per uscire dalla recessione e creare lavoro di qualità: posti di lavoro consolidati e rivolti al futuro delle generazioni ad oggi fragili”.

Allo stato attuale delle cose, con il tema della presunta "operazione immobiliare" agli onori della cronaca, sono più che legittime le domande che si è posto il direttore del Secolo XIX Umberto La Rocca qualche settimana fa: 

"Qui non si tratta di sapere se gli studi dei professori universitari debbano essere un po’ più ariosi oppure no - aveva scritto il direttore La Rocca - ma di porre questioni che riguardano il successo stesso del parco. Ignorarle o cercare di aggirarle significherebbe trasformare quello che è un progetto ambizioso e affascinante in un insediamento dove convivono la facoltà di ingegneria, alcune aziende foraggiate con i nostri soldi (e a quel punto non si spiegherebbe più perché), un certo numero di abitazioni private, qualche esercizio commerciale, una caserma dei carabinieri e così via. Una accanto all’altra e ognuna per conto suo. Un nuovo quartiere di Genova con un insediamento industriale significativo. Mattone, insomma. Ben costruito magari, ma mattone.

Finora con Erzelli hanno fatto buoni affari Aldo Spinelli, che ha venduto bene le aree che possedeva; Carlo Castellano che, grazie a un provvidenziale cambio di destinazione d’uso dell’area sulla quale sorge il vecchio stabilimento di Esaote, potrà cederlo con soddisfazione; le Coop, che probabilmente lo acquisteranno e in quell’area potranno aprire il supermercato che volevano a Sestri; e buoni affari faranno anche Ericsson, Siemens e Ght. Per carità, tutto bene. A una sola condizione: che faccia un buon affare anche Genova."  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Considero assurdo conestare il Polo Erzelli,poichè la sua realizzazione darà alla nostra città grande prestigio nel settore tecnologico..Solo le eccellenze permetteranno di superare la crisi economica mettendo sui mercati prodotti tecnologici nuovi che non possano essere copiati dalla concorrenza.Ritengo quindi opportuno impegnarsi nella sua più rapida realizzazione,nell'interesse di Genova e della stessa Italia.

  • Avatar anonimo di Silvio
    Silvio

    A chi crede ancora alla "onesta"' dell'operazione un premio all'ingenuita'. Se pensate che 100.000 metri quadrati sono di abitazioni, che le aziende che ci vanno spostano solo i dipendenti e forse non tutti ma non creano nuova occupazione. Che l'universita' si sposta indebitandosi fino al collo e quindi potendo finanziare meno progetti... Che le aziende che costruiscono sono in odore di mafia ... Be' c'e' ancora qualcuno che ci crede (in buona fede intendo ) !?!?! Stiamo realizzando un nuovo Begato, con soldi pubblici spesi a palate per arricchire pochi privati.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Meteo, in arrivo vento di burrasca e calo delle temperature

  • Cronaca

    Acqua: riparazione tubazione corso Europa, possibili disagi da Sturla a Sori

  • Economia

    Il Comune assume: oltre 700 nuovi posti entro il 2021

  • Cronaca

    Circo alla Foce, primo weekend di presidio per gli animalisti

I più letti della settimana

  • Mortale in via Bobbio, un video incastra l'automobilista che ammette: «Sono passato col rosso»

  • Grossi quantitativi di droga e armi, arrestato allenatore di calcio

  • Panico in centro, minaccia di gettarsi da ponte Monumentale

  • Ventuno euro per fare da San Martino a Quarto in taxi, indaga la polizia

  • Nascondeva cocaina in trattoria, arrestato noto ristoratore di Sampierdarena

  • Travolge una moto durante un sorpasso, caccia allo scooterista pirata

Torna su
GenovaToday è in caricamento