Bici elettriche, piatti tipici, design: nuove attività tra via Pré e i Truogoli

Successo per il bando con cui il Comune ha messo a disposizione a titolo gratuito i suoi locali: obiettivo, rivitalizzare e riqualificare il centro storico

Via Pré, i Truogoli di Santa Brigida e largo Zecca: sono le prime vie del centro storico in cui apriranno nuove attività finalizzate a ripopolare la zona e a riqualificarne il tessuto economico e sociale. Ad assegnare i locali è stato il Comune di Genova, che dopo gli Open Day organizzati per mostrarli ai possibili “occupanti” e l’esame delle domande arrivate (73 in totale), ha individuato 13 progetti cui affidarli in concessione gratuita per un periodo che va dai 12 ai 18 mesi.

Varie le idee presentate alla Commissione incaricata di selezionarle: tante quelle dedicate all’enogastronomia tipica - che si tratti di vendita al dettaglio o somministrazione diretta - e poi oggetti di artigianato, servizi di mobilità sostenibile per i turisti, liuteria e arredi di legno. La Commissione ha valutato le proposte pervenute sulla base di criteri come la valorizzazione delle specificità del territorio, la promozione dei prodotti locali e l'abbellimento delle strutture, i business plan.

Pré e Truogoli, le nuove attività

Dei 14 locali messi a disposizione, 13 ospiteranno iniziative e attività che, nell’idea di Tursi e dell’assessorato al Commercio, contribuiranno a riqualificare e rivitalizzare il centro storico. Individuati i progetti, nei prossimi giorni i beneficiari della concessione sceglieranno in quali locali avviare la loro attività scegliendo tra le due opzioni a disposizione. A oggi, però, è accertato che tra Pré, i Truogoli e largo Zecca arriveranno un bar con annessa sala lettura, un ristorante tipico genovese, un panificio specializzato in focaccia col pesto, un point di noleggio bici elettriche e ancora un liutaio, un negozio di tessuti, uno di arredi in legno e uno studio di fotografia.

«L’affluenza massiccia agli open day da parte di enti e associazioni, ma soprattutto di persone interessate a vedere i locali, è stato un segnale suffragato poi dal numero e dalla qualità delle proposte pervenute - ha detto soddisfatta l’assessore Bordilli - Tramite questa iniziativa l’amministrazione intende contribuire in maniera significativa alla crescita del tessuto economico e alla valorizzazione del centro storico cittadino, premessa indispensabile per la sicurezza del territorio. Favorire attività commerciali e artigianali legate al territorio significa, inoltre, anche rilanciare le tradizioni locali e la vocazione turistica della città. Come Comune crediamo fortemente nella riqualificazione di queste zone, siamo e saremo a fianco di tutti coloro che investiranno in una porzione di città dall'enorme potenziale. Siamo già con un piano di eventi da portare nella zona proprio perché la nostra presenza vuole essere molto forte sulla zona».

Open Day a Pré all'insegna della danza

Il primo evento è previsto già per sabato 21 settembre, un grande Open day di danza a Prè inserito all'interno del programma del Fuori Salone Nautico cui parteciperà anche l’assessore Bordilli: «Incontrerò le imprese una a una per conoscerle, ma soprattutto per costruire con loro e con gli altri operatori che sono sul territorio un percorso di sviluppo dell'area. Aggiungo, infine, che per l'unico locale rimasto vuoto abbiamo già pronta una destinazione d'uso condivisa con il territorio ed estremamente utile per l'area».

Il Comune ha preso infatti accordi con un'associazione nazionale di forze dell'ordine per assegnare l'ultimo locale rimasto vuoto e garantire un presidio della zona. Nello stesso locale, una volta la settimana, l'assessore Bordilli riceverà residenti e commercianti per ascoltarli: «La logica è che anche l'amministrazione va in via Pré, lavora in via Pré e con la sua presenza crede nel rilancio definitivo dell'area».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento