Povertà, in Liguria 358mila persone nella fascia a rischio

I dati risalgono al 2017 e sono comunque in calo. La nostra regione, però, è quella con gli indici più alti del Nord Ovest

Erano 358mila le persone che nel 2017, in Liguria, rientravano nella fascia di popolazione a rischio povertà.

I dati sono stati elaborati e diffusi dalla Cgil, che ha presentato il progetto #streetunion sulla promozione di politiche di inclusione e contrasto alle diseguglianze sociali attraverso corsi di formazione, incontri a carattere seminariale e presentazione di libri, collaborando con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio e la rete sociale dell'associazionismo radicata sul territorio. 

L’Ufficio Economico della Cgil ha analizzato la situazione povera e inclusione sociale in Liguria, riscontrando che la nostra regione, pur essendo una delle peggiori del Nord Ovest (23% della popolazione contro il 20,7% della media) resta comunque al di sotto della media nazionale pari al 28.9%,.  Nel dettaglio, una famiglia su 10 (il 9,7%) è in condizione di bassa intensità lavorativa, cioè pochi componenti sono occupati oppure hanno un orario di lavoro talmente basso da non consentire un reddito sufficiente.

Scendendo ancora di più nel dettaglio, l’8,6% delle famiglie liguri rientra in uno stato di “severa deprivazione materiale”, presentando almeno 4 di queste 9 condizioni: non avere telefono, tv a colori, lavatrice, auto, difficoltà a consumare un pasto a base di carne o pesce ogni 2 giorni, fare una vacanza all'anno di almeno 7 giorni, pagare regolarmente mutui o affitto, scaldare casa, fronteggiare spese inaspettate. La media italiana è del 10,1%, 7,3% quella del Nord Ovest.

L’obiettivo del progetto #streetunion, fanno sapere da Cgil Liguria, è quello di «facilitare la consapevolezza di come l’altro possa costituire una risorsa, un arricchimento, un’occasione di incontro. La conoscenza del fenomeno migratorio, delle condizioni dell’emarginato, della diversa abilità, della tematiche di genere, delle situazioni di disagio che possono attraversare la vita di ognuno di noi è la soluzione per abbattere pregiudizi e stereotipi».

Potrebbe interessarti

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

  • Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

I più letti della settimana

  • Tragedia a Sampierdarena, 19enne muore cadendo nella tromba delle scale

  • Cade dalla finestra e precipita su nonna e nipote: tragedia a Castelletto

  • Schianto in A7: muore 19enne, gravissimi due amici

  • In Lungomare Canepa apre "Belin", il bar "autogrill" tutto genovese

  • Tragedia sul Monte Bianco: muore vigile del fuoco genovese, gravissimo collega

  • Spaccia in centro storico, Cassazione annulla arresto: «Vicoli hanno aiutato la polizia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento