Dopo Qui! Group falliscono anche Moody e Pasticceria Svizzera

Il temuto effetto domino dopo il fallimento di Qui! Group sembra purtroppo concretizzarsi. Nel frattempo a Palazzo di Giustizia il giudice Daniele Bianchi ha acquisito la lista dei creditori

Questa mattina in tribunale a Genova si è tenuta la prima riunione dei creditori di Qui! Group dopo il fallimento dell'azienda. Si attendeva una massiccia affluenza ma così non è stato. Oggi il giudice Daniele Bianchi prende atto dell'elenco dei creditori, ma non tutti riusciranno ad avere indietro i loro soldi.

Il numero dei creditori è aumentato in maniera esponenziale e la graduatoria parte con il considerare i crediti in prededuzione, che saranno in favore dei dipendenti, poi i creditori privilegiati e i chirografari, a cui andranno somme molto limitate.

Il temuto effetto domino dopo il fallimento di Qui! Group sembra purtroppo concretizzarsi. Secondo quanto rivela la Tgr Rai nell'edizione delle 14, un'altra società che fa capo a Gregorio Fogliani, la Moody Srl, ha presentato istanza di fallimento. Questo significa perdere il lavoro per 56 persone, impiegate fra via XII Ottobre e la Pasticceria Svizzera in via Albaro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ponte, si prepara la ricostruzione. La perizia: «Cavi corrosi»

  • Cronaca

    Grossi quantitativi di droga e armi, arrestato allenatore di calcio

  • Cronaca

    «Cè una bomba di gas letale», scatta l'allarme bomba in tribunale

  • Incidenti stradali

    Investita da uno scooter a Oregina, 15enne in ospedale

I più letti della settimana

  • Si cappotta in auto, grave una donna

  • Ventuno euro per fare da San Martino a Quarto in taxi, indaga la polizia

  • Panico in centro, minaccia di gettarsi da ponte Monumentale

  • Grossi quantitativi di droga e armi, arrestato allenatore di calcio

  • Ruba, scappa e torna indietro per farsi ridare il cellulare: arrestata

  • Rapina in un negozio di via Sestri, arrestati due giovani

Torna su
GenovaToday è in caricamento