Danni maltempo, altri 77 milioni di euro dal governo per le somme urgenze

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato un ulteriore stanziamento per la Liguria, fondi che vanno a sommarsi ai 49 milioni già stanziati per far fronte alle criticità registrate in uno degli autunni più piovosi della storia

Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stanziamento di ulteriori 77 milioni di euro per la copertura delle somme urgenze legate ai danni causati dal maltempo dello scorso autunno.

La decisione è arrivata giovedì sera, e i 77 milioni vanno a sommarsi ai 49 già stanziati in precedenza sempre sullo stesso fronte. Sono escluse da questi finanziamenti le somme urgenze legate all’ultima ondata di maltempo del 20 e 21 dicembre, che avranno un’ordinanza di Protezione civile, e di conseguenza uno stanziamento, a parte.

«Regione Liguria si è già attivata - hanno detto il governatore Giovanni Toti e l’assessore alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone  - Entro 15 giorni prepareremo gli atti per distribuire queste risorse agli enti locali, come avevamo promesso di fare non appena questi stanziamenti sarebbero stati disponibili».

Entrando più nel dettaglio, sono 77.062.212 i milioni di euro destinati alla Liguria da uno stanziamento globale di 208.732.103,47 euro (la delibera del 2 dicembre scorso aveva già previsto un primo stanziamento di 100 milioni di euro). Oltre alla Liguria, fondi sono stati destinati ad Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto per coprire le somme urgenze registrate nei Comuni colpiti dal maltempo dello scorso novembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Consiglio dei Ministri ha specificato che i fondi sono destinati al «completamento delle attività di organizzazione ed effettuazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione, il ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche, l’attività di gestione dei rifiuti, delle macerie, del materiale vegetale o alluvionale o delle terre e rocce da scavo prodotti dagli eventi e per misure volte a garantire la continuità amministrativa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Coronavirus: 1478 positivi in Liguria, 205 in più rispetto a sabato

Torna su
GenovaToday è in caricamento