Chiusura Giugiaro, c'è l'accordo. Ma resta confermato il licenziamento per alcuni dipendenti

L'azienda ha accettato di ricollocare alcuni lavoratori a Verona e in una nuova sede genovese che si occuperà di ricerca e sviluppo. L'attività produttiva, però, non verrà portata avanti in territorio ligure

Si conclude con 18 licenziamenti su 32 la vertenza Giugiaro, l’azienda di Bolzaneto per cui a inizio febbraio era stato annunciato un trasferimento che si è trasformato in una procedura di licenziamento collettivo.

In mattinata i rappresentanti sindacali e i vertici dell’azienda hanno partecipato a un incontro in Regione cui hanno partecipato anche le istituzioni, in un ultimo tentativo di trovare un accordo. Nonostante le speranze di riuscire a salvare tutti i 32 dipendenti, il bilancio finale è di 15 lavoratori licenziati e 3 contratti a termine che non verranno rinnovati: i dipendenti restanti verranno in parte ricollocati a Verona, dove l’azienda ha trovato un nuovo sito produttivo, e in parte (5 in totale) in una nuova sede genovese che si occuperà di ricerca e sviluppo.

«L'ennesima gestione aziendale che ha portato alla delocalizzazione di un'altra azienda del territorio genovese - è stato il commento di Alessandro Tanda, segretario Fim Cisl Genova - Se ci fosse stata la volontà da parte dell’azienda di dialogare ben prima di quanto accaduto con le parti sindacali e con le istituzioni si sarebbero potuti aprire molti più scenari di quelli tristemente noti. Lo dimostra anche il fatto che le istituzioni, in primis il sindaco Bucci e l'assessore Vinacci, non appena chiamati si sono resi subito disponibili per mediare e/o trovare soluzioni per l'azienda e i suoi dipendenti. Resta il fatto che, bene aver ridotto i licenziamenti, ma male per gli altri 18 lavoratori/trici e le famiglie che avranno necessità di trovare subito una nuova collocazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quando è arrivata la notizia che Giugiaro avrebbe chiuso, abbiamo subito espresso la nostra contrarietà e abbiamo proclamato diversi giorni di sciopero - ha aggiunto Ivano Mortola di Fiom Cgil - A fronte delle nostre richieste di non cessare l’attività, l’Azienda ha proposto ai dipendenti una buona uscita di 2 mila euro a persona: in tanti anni di attività sindacale una proposta così al limite della decenza non l’avevo mai ricevuta. Ora, grazie alla caparbietà dei dipendenti e alle azioni che abbiamo messo in campo, siamo riusciti a raggiungere questo faticoso accordo che rispetto alle premesse mitiga in parte il dramma dei dipendenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento