Giancarlo Vinacci entra nel Comitato Scientifico dell’Associazione Nazionale Giovani Innovatori

Il nuovo ingresso amplia ulteriormente la compagine del comitato scientifico già composta da diversi membri d’élite della classe dirigente e della società civile italiana ed europea

Angi – Associazione Nazionale Giovani Innovatori, prima organizzazione nazionale no profit interamente dedicata al mondo dell’innovazione, si arricchisce di un nuovo membro d’élite all’interno del suo comitato scientifico, con la prestigiosa partecipazione del dott. Giancarlo Vinacci, Assessore allo Sviluppo e promozione economica della città di Genova.

Tra le sue numerose esperienze ricordiamo: nel 1990 nel Gruppo Mediobanca fino al lancio della fortunata start up Che banca! e successivamente per un triennio alla Barclays alla guida della banca retail, Banca Woolwich. Dal 1993 è Direttore del Private Banking di Mediolanum e promotore del lancio di Pirelli Real Estate (oggi Prelios) e di Rolo Banca 1473 (oggi Unicredit). Dal 2006 all’anno scorso è stato Amministratore Delegato e Direttore Generale di Mediofima, società di intermediazione creditizia partecipata da Unicredit e Allianz. E’ Presidente del Rotary Club Milano Aquileia, sempre presente e attivo in iniziative di charity e nel finanziamento di restauri e opere d’arte.

Il nuovo ingresso apporterà ulteriori competenze al comitato scientifico e all’intera associazione, andando ad impreziosire la comunità dei giovani innovatori, sempre in prima linea per il mondo innovazione e, forte dei suoi numerosi successi e traguardi raggiunti fino ad oggi, è pronta a raggiungere nuovi obiettivi e a lanciare molteplici progetti a favore dei giovani e dell’ecosistema innovazione italiano ed internazionale.

Giancarlo Vinacci ha commentato così il suo ingresso: “Sono davvero onorato di poter dare il mio supporto ad un’associazione che già da tempo seguo con ammirazione per lo spirito di intrapresa e per la passione con cui, oggi come allora, quando ho iniziato ad occuparmi di innovazione e di startup, si mette al servizio dei giovani indicando una via innovativa e alternativa al passo con il mondo del lavoro dei giorni nostri e per il futuro".

Il Presidente di ANGI, Gabriele Ferrieri ha aggiunto: ”ANGI può vantare un’importantissima rete di sostenitori istituzionali e un prestigioso entourage di membri della classe dirigente e della società civile italiana ed internazionale che ogni giorno ci accompagna e ci supporta nella nostra mission al fine di proporci in Italia e nel mondo come punto di riferimento per l’innovazione, sviluppandola in tutte le sue declinazioni. L’ingresso di una figura come Giancarlo Vinacci, darà un importantissimo valore aggiunto al nostro percorso di crescita e sviluppo”.

L’Associazione, già attiva con numerose manifestazioni e progetti, tra cui a Roma alla Camera dei Deputati, a Milano agli Uffici del Parlamento Europeo – Palazzo delle Stelline, nella missione internazionale direttamente al Parlamento Europeo nella sede di Strasburgo, nei territori in collaborazione con le presidenze delle regioni fino alla realizzazione del Premio Nazionale ANGI, sarà impegnata in nuove numerose attività, sempre al fianco di nuovi partner e sostenitori, desiderosi di impegnarsi al fianco dell’Associazione, per i giovani e il mondo innovazione.

Potrebbe interessarti

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

I più letti della settimana

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Schianto in moto in Francia, muore centauro genovese

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

Torna su
GenovaToday è in caricamento