Accesso al credito e burocrazia: i problemi delle piccole imprese liguri

Sono stati presentati dall'Osservatorio per l'artigianato in Liguria i dati relativi al primo semestre 2011, presente l'assessore regionale Guccinelli: "Continueremo a mettere a disposizione risorse"

Sono stati presentati questa mattina in Regione, alla presenza dell'assessore regionale allo Sviluppo economico Renzo Guccinelli e dei vertici delle associazioni di categoria, i dati del primo semestre 2011 dell'Osservatorio congiunturale dell'artigianato e della piccola impresa in Liguria elaborati dal Centro Studi Sintesi.

Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria, ha commentato: "Negli ultimi anni, le imprese avevano evidenziato due problematiche: l'accesso al credito e l'eccessiva burocratizzazione. La semplificazione degli iter burocratici, tra il secondo semestre 2010 e il primo del 2011, ha avuto un netto ridimensionamento, passando dall'8,8 al 7,8 del livello di priorità nell'agenda delle Pmi liguri. Questo significa che gli interventi che la Regione ha intrapreso nella direzione della sburocratizzazione, di concerto con le associazioni di categoria, stanno dando i frutti sperati e sono percepiti positivamente dalle imprese".

E' la prima delle due problematiche, l'accesso al credito, che sembra preoccupare maggiormente Confartigianato: "Le garanzie eccessive richieste agli istituti bancari scoraggiano gli imprenditori nella richiesta di credito. A rendere ancor più preoccupante lo scenario dei finanziamenti concorrono i costi bancari, sentiti come troppo elevati dal 13,7% delle imprese, contro il 12% del 2009."

Renzo Guccinelli ha illustrato il programma della Regione per far fronte al problema: “Artigiancassa, strumento fondamentale per gli artigiani, continuerà ad avere risorse per circa 4 milioni di euro per tutto il 2012 e da qui a marzo metteremo in campo 60 milioni di finanziamenti europei ancora disponibili per una serie di bandi al servizio delle imprese”

"Faremo una serie di bandi – ha aggiunto l’assessore Guccinelli – sull’energia con una dotazione di 10 milioni di euro, sull’innovazione con una dotazione di 30 milioni di euro, sui distretti industriali, sulle reti d’impresa e sui temi dell’internazionalizzazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l’assessore regionale allo sviluppo economico “i dati presentati oggi destano preoccupazione anche se in un momento di gravissima crisi economica e di profonda difficoltà delle imprese registriamo la tenuta del settore artigiano nella nostra regione. Ci sono elementi positivi come il fatturato o l’export che aumentano e parallelamente si assiste alla mancata crescita dell’occupazione e ad una situazione difficile soprattutto dal punto di vista finanziario e creditizio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

Torna su
GenovaToday è in caricamento