Danni dal maltempo, pronto un piano da 112 milioni di euro

I 112 milioni in arrivo dal dipartimento nazionale di Protezione Civile serviranno per rifondere i Comuni liguri del 100% delle spese sostenute per le somme urgenze e le opere di prima emergenza

La giunta regionale ha predisposto il piano da 112 milioni di euro per rifondere i Comuni liguri del 100% delle spese sostenute per le somme urgenze e le opere di prima emergenza eseguite in seguito all'ondata di maltempo che ha colpito la Liguria dal 14 ottobre fino a fine novembre 2019.

I fondi in arrivo dal dipartimento nazionale di Protezione Civile consentiranno dunque di coprire l'intero importo delle somme urgenze, dando così un po' di respiro ai Comuni dell'intero territorio ligure, dove i danni ammontano a circa 500 milioni.

Il dipartimento regionale di Protezione Civile ha stilato l’elenco dei Comuni beneficiari con i finanziamenti, a copertura degli interventi già eseguiti, sulla base delle richieste provenienti dal territorio

«Dopo oltre tre mesi finalmente, con grande fatica abbiamo ottenuto una risposta per il territorio e possiamo rifondere i comuni liguri per gli interventi effettuati in somma urgenza - hanno detto il commissario per l’emergenza Giovanni Toti e l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone - Restano comunque da coprire gli ingenti danni del maltempo che ammontano a circa 500 milioni e che riguardano soprattutto le infrastrutture danneggiate e distrutte e i privati. Inoltre siamo sempre in attesa dal Governo dell’estensione dello stato di emergenza anche agli eventi del 20 e 21 dicembre che hanno colpito in particolare il ponente ligure provando danni per circa 50 milioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dalle somme urgenze attualmente disponibili, abbiamo accantonato la cifra di 13 milioni - ha concluso l’assessore Giampedrone - per dare, come promesso, le risposte alla popolazione che è stata fuori di casa e in parte lo è tutt’ora, per il disagio di questi tre mesi di emergenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus: i casi positivi sono 2.758, oltre 1.300 i ricoverati

  • «Pizze gratis a chi non può comprarsi da mangiare», l'iniziativa solidale della pizzeria di Struppa

  • Buoni spesa, Bucci: «A partire da mercoledì si potranno richiedere»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

  • All'Ipercoop L'Aquilone la spesa si fa prenotando l'accesso

Torna su
GenovaToday è in caricamento