Commercio, Genova fanalino di coda dei centri più vitali. Persi 11mila posti di lavoro

I dati diffusi da Confcommercio e Cisl parlano chiaro: la città sta affrontando una profonda crisi legata in primis alla diminuzione di esercizi commerciali, e dunque di occupati

Le tante botteghe più o meno storiche costrette ad abbassare la saracinesca, le chiusure “eclatanti” di esercizi commerciali come Rinascente, Ca’Puccino e in ultimo Moody e Pasticceria Svizzera: non stupisce che Confcommercio abbia messo Genova agli ultimi posti nella classifica della vitalità commerciale dei centri storici italiani.

Stando ai dati diffusi, a Genova sono stati persi oltre 64mila negozi negli ultimi 10 anni, conseguenza, secondo gli esperti, del graduale spopolamento: «Genova ha perso il 30% dei suoi abitanti negli ultimi 30 anni. La crisi del commercio è conseguenza dello spopolamento e dell'invecchiamento della città», ha detto Alessandro Cavo, vicepresidente di Confcommercio Genova, commentando una classifica in cui il capoluogo ligure è quarto per rischio declino del commercio tradizionale. Oltre 400 i negozi del centro storico che negli ultimi 10 anni hanno chiuso, e stando ai dati diffusi dalla Cisl sono 11mila le persone rimaste senza lavoro dal 2012 al 2017. Nel 2018, mille i posti di lavoro persi soltanto nel settore commercio.

«La riduzione dell’offerta commerciale, 64mila negozi di meno negli ultimi 10 anni, e la confusa e disordinata crescita di strutture di ristorazione e alloggio, stanno impoverendo le nostre città - ha detto Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio - C’è bisogno di un piano nazionale per la rigenerazione urbana fondata sul riconoscimento del rapporto strettissimo tra commercio e vivibilità delle città, e di misure dedicate all’innovazione per le piccole superfici di vendita. Città più belle e attrattive danno fiducia e sicurezza, e costituiscono un grande valore sociale ed economico. Commercio, turismo e servizi vivono delle città, e le fanno vivere».

Genova, in particolare, punta sul turismo, come confermato anche da Cavo:  «È la scommessa in più per risollevarci, e le infrastrutture come il Terzo Valico sono fondamentali, nella speranza che nel momento in cui Genova fosse più raggiungibile il vento di crescita di Milano possa arrivare anche qui».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La "nave delle armi" attracca in porto, scatta la protesta

  • Cronaca

    Morandi, terminati i rientri degli sfollati: «Restano solo gusci vuoti»

  • Cronaca

    Cinquantenne disperso sulle alture di Voltri

  • Cronaca

    San Martino: si rompe l'apparecchio per la radioterapia, decine di sedute rinviate

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Schianto in moto a Rivarolo, muore 25enne

  • Genoa: incubo retrocessione, tutti i calcoli per la salvezza

  • Sciopero dei trasporti, a rischio bus e treni

  • Marassi, la leggenda dei fantasmi di villa Piantelli

  • Nave carica di armi in arrivo in porto

Torna su
GenovaToday è in caricamento