Porto di Genova: chiarezza sull'area "rinfuse"

I sindacati chiedono l'intervento del presidente dell'Autorità Portuale Luigi Merlo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

La Segreteria  FILT-CGIL Genova e i Delegati di Compagnia Pietro Chiesa, CULMV Paride Batini e di Terminal Rinfuse Genova, preoccupati dalle notizie apparse sui quotidiani negli ultimi giorni, chiedono un intervento del Presidente dell’Autorità Portuale al fine di fare chiarezza sul futuro dell’Area “rinfuse“ del  Porto di Genova

Purtroppo negli ultimi mesi abbiamo assistito alla perdita di uno storico traffico (Grendi) per il nostro porto e non vorremmo che altri casi possano verificarsi in futuro. Crediamo fortemente che il nostro Porto debba continuare a movimentare tutti i tipi di merce; nello specifico riteniamo che sul Terminal Rinfuse si debbano fare i doverosi investimenti affinché non accada più che alcune tipologie di merce (manganese) prendano la via di altri porti e a questo proposito riteniamo indispensabile che l’Autorità Portuale verifichi e segua attentamente quanto sopra esposto.

E’ indispensabile infatti  porre su questi temi una attenzione particolare nell’interesse del porto e soprattutto dei lavoratori tutti. Segreteria FILT-CGIL Genova e delegati FILT-CGIL CULMV  Paride Batini, Compagnia Pietro Chiesa e Terminal Rinfuse    

Torna su
GenovaToday è in caricamento