Carige, aperta inchiesta sui crediti deteriorati

L'indagine punta a chiarire se ci sia stata alterazione del mercato da parte degli amministratori

La procura di Milano ha aperto un'inchiesta per manipolazione del mercato su Banca Carige per la mancata comunicazione nel primo semestre del 2018 della eventuale necessità di svalutare crediti dopo l'ispezione della Bce.

L'inchiesta per aggiotaggio è coordinata dal pm Paolo Filippini e dell'aggiunto Maurizio Romanelli e nasce da una denuncia depositata dai Malacalza, all'epoca maggiori azionisti della banca.

L'indagine punta a chiarire se ci sia stata alterazione del mercato da parte degli amministratori prima del commissariamento, in relazione a informazioni non veritiere sui non performing loan (crediti in sofferenza). La contestazione riguarda la gestione precedente al rinnovo del consiglio del 2018, quando furono nominati presidente e ad della banca rispettivamente Pietro Modiano e Fabio Innocenzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

Torna su
GenovaToday è in caricamento