Banca Carige, convocata l'assemblea degli azionisti

La riunione sarà l'occasione per capire se il piano di salvataggio della banca ha possibilità concrete di essere realizzato. Molto dipenderà dalla decisione di Malacalza

Dopo la firma dell'accordo quadro vincolante fra i soggetti che concorreranno al salvataggio di Banca Carige, è stata fissata la data dell'assemblea straordinaria degli azionisti presso il Tower Genova Airport il giorno venerdì 20 settembre 2019 alle ore 10.30.

Lo Schema volontario di intervento del Fitd (Svi) sta mettendo a punto criteri e meccanismi per riconoscere, a conclusione dell'operazione, azioni gratuite per un controvalore pari a 10 milioni di euro a favore di azionisti attuali a fronte di partecipazioni azionarie inferiori a una certa soglia.

L'assemblea degli azionisti sarà l'occasione per capire se il piano di salvataggio della banca ha possibilità concrete di essere realizzato. Molto dipenderà dalla decisione di Malacalza di partecipare all'aumento di capitale.

Ordine del giorno assemblea azionisti Carige

Proposta di:

  1. aumentare il capitale sociale a pagamento e in via inscindibile, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’art. 2441, commi 5 e 6, del codice civile, per un importo di complessivi settecentomilioni di euro, comprensivo di sovrapprezzo, mediante emissione di nuove azioni ordinarie della società aventi le medesime caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione, al prezzo di sottoscrizione di 0,001 euro (inclusivo di sovrapprezzo) per azione, da offrire in sottoscrizione come segue: (i) una prima tranche destinata allo Schema Volontario di Intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, da liberarsi mediante compensazione con il credito derivante dalle obbligazioni subordinate denominate “Banca Carige S.p.A. 2018-2028 Tasso Fisso Tier II” dallo stesso possedute per un importo nominale corrispondente (“Prima Tranche”); (ii) una seconda tranche destinata a Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano S.p.A. (e/o, in tutto o in parte, a società da questa controllata) (“Seconda Tranche”); (iii) una terza tranche destinata agli azionisti della Società (“Terza Tranche”); e (iv) una quarta tranche destinata al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (“Quarta Tranche”);
  2. emettere massimi 21 miliardi e 250 milioni “Warrant Banca Carige S.p.A. 2020-2022” da assegnare gratuitamente agli azionisti che abbiano sottoscritto azioni emesse a valere sulla Terza Tranche di cui al precedente punto A. (iii), nel rapporto di 1 (uno) warrant ogni 4 (quattro) azioni ordinarie sottoscritte ed emesse; con ulteriore aumento del capitale sociale a pagamento e in via scindibile per un importo di massimi nominali Euro 21.250.000,00 (ventunomilioniduecentocinquantamila/00), oltre a eventuale sovrapprezzo, a servizio dell’esercizio dei warrant, mediante emissione, anche in una o più volte, di massime n. 21.250.000.000 (ventunomiliardiduecentocinquantamilioni) nuove azioni ordinarie della Società aventi le medesime caratteristiche di quelle in circolazione alla data di emissione; richiesta di ammissione a quotazione dei warrant e approvazione del relativo regolamento;
  3. C. modifiche conseguenti dell’art. 5 dello statuto sociale e deliberazioni inerenti e conseguenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito da un'auto mentre cammina in Sopraelevata: morto sul colpo

  • I cognomi più diffusi a Genova e il loro significato

  • Tragedia a Rapallo, 32enne trovato morto per strada

  • Sorpassa una volante dei carabinieri e li insulta

  • Meteo, perturbazione in arrivo sulla Liguria

  • Armato di pistola fa irruzione in pizzeria e minaccia la titolare: paura a Bolzaneto

Torna su
GenovaToday è in caricamento