Ricetta dei Biscotti del Lagaccio, tutta la bontà della tradizione

Ecco la loro storia e la ricetta: non è delle più veloci, ma vale la pena provarla

La ricetta

Se pensiamo a un dolce della tradizione ligure, più precisamente ai biscotti, non possono non venire in mente i biscotti del Lagaccio, fragranti e leggeri.

Ma come nascono, e come si preparano? Questi speciali biscotti croccanti nascono nel 1593 a Genova, naturalmente nel quartiere del Lagaccio, come variante delle fette biscottate. In pratica erano un incrocio tra un dolce e il pane secco, adatto ad essere portato in barca da pescatori e marinai durante i loro lunghi viaggi. 

Il sito istituzionale VisitGenoa ci svela la ricetta. Essendo un prodotto da forno molto antico, bisogna rispettare i tempi che impone la ricetta tradizionale: non cimentatevi in questa preparazione se avete fretta.

Preparazione

Sul tavolo da lavoro bisogna costruire un "vulcano" con 150 grammi di farina, e porre al centro - nel "cratere" - il lievito sciolto in poca acqua. Il segreto è impastare fino a ottenere un composto morbido e omogeneo, dopodiché bisogna formare una palla infarinata, e lasciarla lievitare fino a quando non diventerà grande il doppio.

Successivamente, con la farina che avanza, bisogna fare un altro "vulcano" e mettervi al centro sale, zucchero, semi di finocchio, burro a pezzettini e la palla lievitata. Impastare con cura il composto e lasciare lievitare come già fatto prima. Quando la pasta sarà gonfiata, sbatterla più volte su un piano infarinato, lavorarla fino a farla diventare morbida, e dividerla in quattro parti da modellare a cilindro. Questi quattro cilindri devono essere posizionati su una teglia imburrata, lasciati lievitare per altri 20 minuti, e poi messi nel forno già caldo a 200 gradi per altri 20 minuti.

Sfornare e fate riposare ancora 24 ore. Dopodiché, tagliare i cilindri a fettine larghe, adagiarle nella stessa piastra e biscottarle nel forno già caldo a 200 gradi per altri 20 minuti.

Torna su
GenovaToday è in caricamento