Porto di Pra'-Voltri, a maggio 2020 tutte le banchine elettrificate

L'aggiornamento è arrivato in consiglio regionale: l'investimento vale 11,4 milioni di euro, i lavori dureranno poco prima di un anno

Entro maggio 2020 le banchine del porto di Pra’-Voltri saranno interamente elettrificate: l’annuncio è arrivato nel corso del consiglio regionale di martedì mattina dall’assessore Giacomo Giampedrone, che ha risposto a un’interrogazione presentata dal consigliere Gianni Pastorino, capogruppo di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria. 

Pastorino si è fatto portavoce dell’istanza già sollevata dal Municipio Ponente e dal giovane consigliere di A Sinistra, Filippo Bruzzone, che avevano più volte chiesto aggiornamenti sullo stato del progetto per l’elettrificazione delle banchine. Dal quadro generale fornito da Giampedrone è emerso che la progettazione esecutiva è già stata conclusa, e che la consegna dei lavori è prevista per marzo 2019: in totale saranno 420 i giorni di cantiere, con la conclusione fissata a maggio 2020. 

L’investimento da 11,4 milioni di euro ha l’obiettivo di rendere più efficiente lo scalo genovese, e di ridurre l’impatto acustico e ambientale che il porto ha sul quartiere: il progetto prevede il funzionamento delle banchine per 24 ore consecutive, in modo da andare incontro sia alle esigenze delle navi di linea, che fanno regolarmente scalo a Genova, sia a quello delle navi che vi arrivano occasionalmente, senza scaricare nulla ma fermandosi nel corso di una tratta più lunga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dagli studi sul traffico marittimo è infatti emerso che le navi che arrivano nel porto di Pra’-Voltri vi restano da un minimo di 8 ore a un massimo di 36, ed è su questi dati che è stata elaborata la potenza e la performance delle banchine elettriche: «Per noi rimane il problema del monitoraggio della qualità dell’aria - è il commento di Bruzzone - Abbiamo un quadro disarmante per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico, e questo senza avere dati certi. La centralina fissa di via Ungaretti registra infatti solamente l’ozono, e già dai rilievi effettuati da Legambiente è emerso che nel corso del 2018 i limiti di legge sono stati sforati 103 giorni l’anno. Per il quartiere è importante raccogliere dati più ampi, su tutte le sostanze che possono trovarsi nell’aria. Solo così potremmo mettere a punto strategie per contrastare in maniera efficace l’inquinamento ambientale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento