Ubriaco fa pipì contro il muro del pronto soccorso, fermato e multato

L'uomo è stato notato da due poliziotti in servizio in zona davanti all'ingresso della struttura cittadina. Invitato a usare i bagni, si è rifiutato

Si è avvicinato al muro del pronto soccorso, si è slacciato i pantaloni e come se nulla fosse, davanti a medici e infermieri e persino a una volante della polizia, si è messo a fare pipì trasformandolo nella propria personale toilette. Il tutto nonostante che a poca distanza ci fossero i bagni a disposizione del pubblico.

È successo all’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena nella tarda serata di domenica, quando i poliziotti del commissariato Cornigliano, in zona per un controllo, hanno notato un uomo barcollare nel piazzale davanti all’ingresso del Pronto Soccorso, avvicinarsi al muro e armeggiare con la cintura dei pantaloni. 

Gli agenti sono quindi scesi dall’auto invitandolo a usare i vicini bagni: appello ignorato, che li ha spinti a entrare in azione per chiedergli i documenti - negati - e quindi ad accompagnarlo in questura, dove l’alticcio vandalo è stato identificato e poi multato.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Genova in festa per Papa Francesco

    • Cronaca

      Incidente al largo di Punta Manara, schianto tra due barche

    • Elezioni comunali 2017

      Elezioni Genova, indagine Ixè: il 74% boccia l'amministrazione Doria

    • Incidenti stradali

      Schianto in moto in val Bisagno, addio a Luca Notaro

    I più letti della settimana

    • Papa a Genova, tutti i divieti e le modifiche al traffico

    • Dai pass alle bottiglie d'acqua: tutto quello che c'è da sapere sulla visita del Papa

    • Dai treni ai bus, modifiche e orari dei mezzi per la visita del Papa

    • Tragedia in autostrada: malore al volante, tir lo travolge uccidendolo

    • Schianto in moto in val Bisagno, addio a Luca Notaro

    • Amt, fissato un nuovo sciopero dei bus

    Torna su
    GenovaToday è in caricamento