Ubriaco fa pipì contro il muro del pronto soccorso, fermato e multato

L'uomo è stato notato da due poliziotti in servizio in zona davanti all'ingresso della struttura cittadina. Invitato a usare i bagni, si è rifiutato

Si è avvicinato al muro del pronto soccorso, si è slacciato i pantaloni e come se nulla fosse, davanti a medici e infermieri e persino a una volante della polizia, si è messo a fare pipì trasformandolo nella propria personale toilette. Il tutto nonostante che a poca distanza ci fossero i bagni a disposizione del pubblico.

È successo all’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena nella tarda serata di domenica, quando i poliziotti del commissariato Cornigliano, in zona per un controllo, hanno notato un uomo barcollare nel piazzale davanti all’ingresso del Pronto Soccorso, avvicinarsi al muro e armeggiare con la cintura dei pantaloni. 

Gli agenti sono quindi scesi dall’auto invitandolo a usare i vicini bagni: appello ignorato, che li ha spinti a entrare in azione per chiedergli i documenti - negati - e quindi ad accompagnarlo in questura, dove l’alticcio vandalo è stato identificato e poi multato.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Tragedia di Casella, giovedì i funerali del piccolo Giuseppe

    • Cronaca

      Ubriaco fa pipì a De Ferrari: altra multa da 3300 euro

    • Cronaca

      Temperature in calo, da Tursi l'ordinanza per accendere il riscaldamento

    • Cronaca

      Tragedia sul Monte Bianco: alpinista ligure precipita e muore

    I più letti della settimana

    • Morte del piccolo Giuseppe: organi espiantati. Aperta un'inchiesta

    • Meteo Genova: temperature in picchiata, le previsioni per il 25 aprile

    • Tragico malore al volante a Borgoratti

    • Incidente in autostrada, muore lo "Squalo", capo della tifoseria genoana

    • Incidente alla Foce, marito e moglie travolti da un'auto

    • Casella, rogo in un palazzo: genitori e bambino si gettano dalla finestra

    Torna su
    GenovaToday è in caricamento