Tragedia a Certosa, uccide la moglie e cerca di togliersi la vita

L'uomo, 88 anni, ha stretto le mani intorno al collo della moglie, malata, in un estremo gesto di disperazione

Una tragedia dettata dalla disperazione, quella che si è consumata domenica pomeriggio in via Piombelli, nel quartiere genovese di Certosa, dove un uomo di 88 anni ha ucciso la moglie, un anno più giovane e gravemente malata, e poi ha tentato di togliersi la vita.

A fare la terribile scoperta, nel primo pomeriggio di domenica, è stata la figlia della coppia. Arrivata nell’appartamento dei genitori ha trovato la madre ormai senza vita e ha subito chiamato i soccorsi. L’uomo, prima di essere portato all’ospedale San Martino, avrebbe spiegato di avere preso la drammatica decisione per evitare di essere "un peso per figli e nipoti".

Sul posto, oltre all’ambulanza, è intervenuta anche la Squadra Mobile e il medico legale, che ha confermato che la donne è morta per strangolamento. L’anziano è stato arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due trattorie di Genova tra le migliori in Italia, secondo la classifica di "Repubblica Sapori"

  • I 17 ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Tragedia in via Piacenza: uccide la moglie e si getta dal balcone

  • San Martino, nuove regole per il pronto soccorso: un solo accompagnatore e con il pass

  • È febbraio ma sembra primavera: a Genova si fa il bagno in mare

  • Ladro entra in casa nella notte: 17enne difende la sorellina e lo mette in fuga

Torna su
GenovaToday è in caricamento