Vendono per strada vestiti e orologi falsi, due denunciati

Un ventottenne e un cinquantasettenne, entrambi magrebini, sono stati denunciati dalla Polizia locale perché trovati in possesso di merce falsa. Sequestrati tremila euro

Prosegue l'attività di contrasto all'abusivismo commerciale da parte della Polizia locale genovese. Nella mattina di martedì 12 marzo 2019 è stato individuato in piazza Paolo da Novi un ventottenne magrebino domiciliato in città, che, tra oltre un centinaio di pezzi di merce varia, custodiva 13 capi contraffatti.

La successiva perquisizione domiciliare, effettuata in collaborazione con il Reparto di polizia giudiziaria, ha consentito di recuperare altri 17 pezzi contraffatti, tra cui diverse imitazioni di orologi Rolex. Il venditore è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione, vendita di prodotti con marchi falsificati e sanzionato amministrativamente per la vendita.

Nel pomeriggio analoga operazione in via San Martino, dove è stato individuato un secondo venditore cinquantasettenne magrebino, che, anche in questo caso, oltre a numerosi pezzi non contraffatti, offriva in vendita 43 pezzi contraffatti tra capi di abbigliamento e orologi di note marche.

Nascosti in un cappello tra la merce gli agenti hanno trovato oltre tremila euro in banconote, di cui l'uomo non è stato in grado di giustificare in alcun modo il possesso. Anche in questo caso il venditore è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione, vendita di prodotti con marchi falsificati e sanzionato amministrativamente per la vendita. In entrambi i casi tutte le merci e il denaro sono stati sequestrati.

Nei mesi di gennaio e febbraio i sequestri amministrativi sono stati 44, mentre sono sei le persone denunciate per ricettazione e vendita di prodotti con marchi falsificati. Il totale dei pezzi contraffatti delle più note marche ammonta a 95. In aumento anche il numero di prodotti non contraffatti posti in sequestro per vendita abusiva o senza titolo nei primi due mesi dell'anno, che ammontano a 287 capi di abbigliamento e accessori, 465 ombrelli, 658 magneti e 1.961 articoli di bigiotteria e giocattoli. Tutti questi prodotti, se conformi alle vigenti normative di sicurezza, verranno poi devoluti in beneficenza.

«Sono particolarmente soddisfatta dell'efficace e strenuo lavoro che la polizia locale sta svolgendo in tema di abusivismo commerciale - commenta l'Assessore Paola Bordilli -. Il contrasto a questa forma di concorrenza sleale verso i commercianti che rispettano le regole è uno degli obiettivi della nostra Amministrazione ed è strumento indispensabile di tutela verso quel commercio sano che anima i quartieri e che rappresenta il tessuto commerciale fondante della nostra città».

L'assessore alla Sicurezza Stefano Garassino ha voluto ringraziare gli operatori della Polizia Locale «per l'importante lavoro che il Corpo sta compiendo verso il recupero della legalità nella nostra città».

Potrebbe interessarti

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

I più letti della settimana

  • Superenalotto, in Liguria un'altra vincita

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • Laghetti di Nervi, recuperato il cadavere di un uomo

Torna su
GenovaToday è in caricamento