Valpolcevera e ponente, nuovo servizio notturno gratuito di consegna farmaci

I medicinali urgenti verranno consegnati gratuitamente ai genovesi ostacolati dal crollo del ponte Morandi: ecco come richiedere la consegna

Un nuovo servizio notturno di consegna dei farmaci urgenti gratuiti per i residenti della Valpolcevera , isolata a causa del crollo dei ponte Morandi, e del ponente. L’iniziativa è stata presentata in mattinata nella sede di Federfarma Genova alla presenza del commissario di Alisa, Walter Loctelli, e dell’assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, ed è stata sviluppata in collaborazione con Zentiva Italia e il supporto di LeasePlan Italia, che ha messo a disposizione gratuitamente un mezzo per le consegne.

L’obiettivo è andare incontro ai residenti di una zona che ogni giorno affrontano innumerevoli disagi per percorrere anche solo pochi chilometri, e che a oggi non possono contare su presidi sanitari in grado di fare fronte alle loro esigenze: a oggi le farmacie di turno della Valpolcevera sono aperte sino alle 22 su base volontaria, e il nuovo servizio di consegna, erogato dalla farmacia Pescetto, andrà a supportare la popolazione nelle ore notturne. L’iniziativa garantisce infatti la consegna dei farmaci urgenti tutti i giorni, dalle 22 alle 6 del mattino, contattando il numero 010-261609.  Il servizio è disponibile per tutti i cittadini che vivono nell’area della Valpolcevera (Rivarolo, Bolzaneto, Pontedecimo) e nel Ponente cittadino (Cornigliano, Sestri Ponente, Pegli, Prà e Voltri).

«L’apertura prolungata delle farmacie e il potenziamento del servizio di consegna notturna dei farmaci urgenti, assolutamente gratuito per i cittadini, confermano il ruolo della ‘farmacia dei servizi’, fondamentale per il servizio sanitario regionale - è stato il commento dell’assessore Viale - Va in questa direzione anche la sperimentazione, avviata nel marzo scorso, della distribuzione dei farmaci salvavita nelle farmacie territoriali e non più solamente nelle farmacie ospedaliere: solo nelle zone del ponente maggiormente interessate dai disagi usufruiscono di questo servizio oltre 44mila persone che non devono più attraversare la città per ritirare i farmaci di cui hanno più bisogno». 

«Il servizio, pensato proprio per andare incontro ai nostri concittadini, appare ancora più indispensabile vista l'emergenza dovuta al crollo del Ponte Morandi - ha aggiunto il presidente di Federfarma Genova, Carlo Rebecchi - In una città come la nostra, nella quale si contano molti anziani ed è notevolmente cresciuto il numero di nuclei famigliari composti da una sola persona, Federfarma mette in campo le proprie conoscenze e la propria professionalità per garantire un servizio di salute».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orrore a San Fruttuoso: drogata dalla madre e violentata dal patrigno

  • Cronaca

    Il sindaco Bucci al Campasso tra smarino, cantieri e mercato ovoavicolo

  • Cronaca

    Morandi, sopravvissuto al crollo smonta tesi difensiva di Autostrade

  • Cronaca

    Vigili aggrediti da venditori abusivi, si riaccende il dibattito sulla sicurezza

I più letti della settimana

  • Morandi, sopravvissuto al crollo smonta tesi difensiva di Autostrade

  • Segregata e violentata in casa, quattro arresti

  • Cake Star arriva Genova, chi sarà il miglior pasticcere della città?

  • Gli sequestrano il furgone, minaccia di gettarsi dal Ponte Monumentale. Interviene il sindaco Bucci

  • Maglioni e sciarpe per i senzatetto, a Sestri Ponente spunta il muro della gentilezza

  • Salvo lo storico pastificio Moisello: «Prima la ristrutturazione, poi un nuovo progetto»

Torna su
GenovaToday è in caricamento