Si perde nei boschi, pellegrino salvato grazie a WhatsApp

I vigili del fuoco hanno chiesto a un cittadino francese smarrito in zona Tiglieto di condividere la posizione tramite app, e sono riusciti a rintracciarlo in pochissimo tempo

«Buonasera, siamo i pompieri: ci invii la sua posizione qui e manderemo i soccorsi»: ancora una volta, il lato più “tecnologico” dei vigili del fuoco ha contribuito a salvare una persona che si era persa nei boschi. Nello specifico, un pellegrino di nazionalità francese diretto ad Assisi che stava percorrendo il sentiero che da Tiglieto va verso Campo Ligure.

Tutto è successo nella serata di martedì: confuso dalla nebbia calata sulla vallata nel tardo pomeriggio, l’uomo si è perso e nel panico ha contattato il 112 per chiedere aiuto. Nel giro di pochi minuti il Numero Unico per l’Emergenza ha girato la segnalazione ai vigili del fuoco, che hanno inviato un messaggio via whatsapp al pellegrino chiedendogli di condividere la posizione.

whatsapp pompieri-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coordinate alla mano, la centrale operativa ha individuato la zona in cui l’uomo si era perso e l’hanno comunicata alla squadra di Multedo, che già si era mossa verso Campo Ligure accompagnata da umani del Soccorso Alpino e carabinieri: nel giro di meno di 10 minuti dall’invio della posizione il pellegrino è strato rintracciato dai carabinieri e portato proprio a Campo Ligure, sua destinazione finale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

  • Coronavirus, lo studio: «Ecco quando dovrebbe azzerarsi il contagio»

  • Coronavirus, oltre 2.900 positivi in Liguria. In provincia di Genova sono più di mille

Torna su
GenovaToday è in caricamento