Parigi: ritrovata la Seat dei terroristi, si cerca una Golf con targa belga

Fra indiscrezioni e smentite va avanti la caccia a uno dei terroristi, responsabili degli attentati di Parigi. Oltre a Abdeslam Salah, la Gendarmerie starebbe cercando altre tre persone e una Golf con targa belga

Le voci allarmanti di ieri su un possibile ingresso in Italia dal confine di Ventimiglia di uno degli attentatori di Parigi non sono fortunatamente risultate veritiere. La Seat Ibiza nera non è mai entrata sul territorio italiano. La conferma è arrivata direttamente dalle forze dell'ordine francesi, le quali hanno rinvenuto il mezzo a Parigi poco dopo le ore 16.

La Seat Ibiza sarebbe stata utilizzata per compiere uno degli attacchi agli esercizi commerciali della capitale francese. Noleggiata in Belgio per il periodo che va dal 9 al 16 novembre, la vettura è stata individuata nel quartiere parigino di Montreuil.

Al suo interno non è stato trovato nessuno. L'auto è risultata essere abbandonata, ma erano ancora presenti all'interno diverse armi tra cui tre fucili mitragliatori kalashnikov, uno dei quali con il caricatore inserito, oltre ad altri 14 caricatori, 3 coltelli da macellaio, un gps e alcuni pezzi di una cintura esplosiva.

Proseguono dunque le ricerche di Abdeslam Salah, di 26 anni, fratello di Ibrahim morto da kamikaze a boulevard Voltaire. Le forze dell'ordine starebbero ora cercando una seconda auto, una Volkswagen Golf con targa belga, e altre tre persone, in qualche modo legate agli attentati di Parigi.

Il timore rimane quello di una possibile fuga dei sospettati attraverso il porto di Genova o dalla Slovenia, dopo aver attraversato il nord Italia. Per questo sono stati rafforzati i controlli nei punti sensibili della città.

Nel frattempo gli agenti della polizia penitenziaria hanno passato ai raggi 'x' una decina di celle del carcere di Marassi, dopo l'allarme lanciato dal Viminale, che ha segnalato proprio i penitenziari come «possibile luogo di aggregazione in grado di favorire il radicamento dell'estremismo islamico».

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

I più letti della settimana

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Bastonate al cane, smettono per le urla dei residenti

  • Pomeriggio a base di ketamina per due ventenni

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

Torna su
GenovaToday è in caricamento