Terrorismo, aumentano i controlli nei mercatini di Natale

I carabinieri raddoppiano gli sforzi per garantire la sicurezza dopo l'attentato di Strasburgo: potenziati i controlli nelle aree considerate maggiormente a rischio

Anche in Liguria e a Genova si alza il livello di allerta dopo l’attentato ai mercatini di Strasburgo dello scorso 11 dicembre. E così, nei giorni che precedono il Natale, zona considerate maggiormente a rischio - perché più affollate e frequentate - sono state presidiate da diverse unità delle forze dell’ordine.

Giovedì pomeriggio, infatti, in piazza De Ferrari (sede di Mercatale) e in piazza Matteotti (dove sorge un altro mercatino) sono arrivati il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Riccardo Sciuto, insieme con il comandante del Nucleo Operativo, il colonnello Alberto Tersigni, e gli uomini delle Sos (Squadre Operative di Soccorso) e dell’Api (Aliquota Pronto Intervento). 

Sono questi ultimi, grazie a un addestramento e all’equipaggiamento tattici, a intervenire per primi e a occuparsi della sicurezza dei cittadini in caso di attacco terroristico. E in un momento in cui l’Europa fa i conti con l’ennesima strage e in cui l’Italia piange la morte del giovane giornalista Antonio Megalizzi, la presenza delle divise inevitabilmente rassicura sia chi fa shopping, sia chi si ritrova a passare tra i banchi dei mercatini diretto verso altre commissioni. 

I controlli sono stati rafforzati anche in zona Brignole e al Porto Antico, e lo stesso accadrà nei prossimi giorni anche a Imperia, Savona e La Spezia, almeno sino a Natale. La conferma è arrivata dallo stesso Sciuto, che ha rinnovato l’impegno dei carabinieri nell’aumentare il senso di sicurezza dei cittadini e nelle strade della città anche soltanto con la semplice presenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento