Molassana: tenta il suicidio per amore aprendo i rubinetti del gas

Ha richiesto la presenza di una pattuglia dei carabinieri in via Antonio Sertoli a Molossana, poiché il suo ex fidanzato le aveva comunicato di avere intenzione di compiere un gesto estremo. Fortunatamente le forze dell'ordine sono intervenute in tempo

Genova - Durante la notte fra domenica 19 e lunedì 20 maggio 2013, una donna, mediante l'utenza 112 ha richiesto la presenza di una pattuglia dei carabinieri in via Antonio Sertoli a Molossana, poiché il suo ex fidanzato le aveva comunicato di avere intenzione di compiere un gesto estremo.

Sul posto un equipaggio del nucleo radiomobile unitamente a personale dei vigili del fuoco e alla polizia sono riusciti a farsi aprire la porta d'ingresso, percependo all'interno un forte odore di gas.

Gli agenti hanno chiuso i rubinetti del gas, scongiurando un concreto rischio di esplosione. L'uomo, sofferente di patologie psichiatriche, è stato visitato e sedato dai sanitari intervenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Ladro entra in casa nella notte: 17enne difende la sorellina e lo mette in fuga

Torna su
GenovaToday è in caricamento