Spaccio tra il bar e la stazione, in manette un 21enne

La polizia ha studiato i movimenti del giovane pusher per settimane prima di entrare in azione: durante il giorno restava nella stazione di Lavagna, di sera si spostava a Rapallo

Si divideva tra un bar di Rapallo e la stazione di Lavagna per portare avanti la sua attività di spaccio, ma gli spostamenti continui e regolari alla fine lo hanno tradito: a finire in manette un 21enne di origini marocchine, colto sul fatto mentre cedeva una dose proprio in una delle salette del bar.

I poliziotti del commissariato di Chiavari lo hanno seguito per settimane, osservando i suoi movimenti e notando che durante il giorno restava in stazione a Lavagna, mentre dopo le 22 si spostava in un bar del centro di Rapallo. 

Venerdì sera gli agenti sono entrati in azione, e nel bar hanno trovato il 21enne in una saletta sul retro del bar: in tasca aveva circa 280 euro in contanti, dosi di cocaina e hashish e un cellulare su cui erano presenti messaggi in cui prendeva accordi per consegne e cessioni. Il giovane è stato arrestato e processato per direttissima in mattinata, mentre i clienti - 6- sono stati sanzionati amministrativamente. Tra loro anche un 20enne di origini marocchine, arresta perché destinatario di un provvedimento di ripristino della misura cautelare in carcere.

Potrebbe interessarti

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Pedone investito in via Gramsci, traffico bloccato

Torna su
GenovaToday è in caricamento