Nuova chiusura del ponte di via Giotto: «Perchè tutti questi ritardi?»

L'argomento è stato affrontato in consiglio comunale: «Quando i lavori sono stati affidati, le normative sugli appalti prevedevano tempistiche precise per eseguire i lavori, ma non per spostare le utenze»

Da oggi, martedì 8 gennaio, e fino a maggio, chiude di nuovo per lavori il ponte di via Giotto a Sestri Ponente. 120 lunghi giorni per consentire la prosecuzione dei lavori di rifacimento del ponte stesso, garantendo il transito pedonale lungo il lato a mare del cantiere. Per Natale i cantieri erano stati sospesi e una corsia era stata riaperta, ma dopo le feste ricominciano i lavori.

A lamentarsi, abitanti e commercianti preoccupati per i forti disagi che la riapertura dei cantieri potrebbe riservare alla viabilità cittadina, già interessata da modifiche e variazioni dopo il crollo del ponte Morandi. A portare la loro voce in consiglio comunale, Carmelo Cassibba (Vince Genova): «Vorrei capire il perché di tutti questi ritardi per il ripristino del ponte di via Giotto».

Dopo l'alluvione del 2010, quando si decise di abbattere il condominio sul Chiaravagna, si decise di agire anche su due ponti, quello di via Manara, rinforzato con lavori che sono durati due anni, e quello di via Giotto. «I lavori di quest'ultimo sarebbero dovuti terminare in estate - ricorda Cassibba - e adesso arriva un altro cantiere di 120 giorni».

La questione è spinosa, come l'ha definita anche l'assessore Paolo Fanghella: «Questo tipo di intervento serve a mettere in sicurezza un territorio che ha subito una ferita profonda, non si può rimandare. L'apertura del ponte in quest'ultimo periodo serviva a venire incontro alle richieste di abitanti e ai commercianti, ma era stato reso noto che dopo l'Epifania i lavori sarebbero ripresi. Come mai i ritardi? Quando i lavori sono stati affidati, le normative sugli appalti prevedevano tempistiche precise per eseguire i lavori, ma non per spostare le utenze. Dunque chi deve spostarle non ha vincoli contrattuali di tempo. Siamo riusciti comunque ad accorciare ulteriormente i tempi, anche se non credo che questo disagio sia così importante per i commercianti, perché non c'è nessun blocco all'accessibilità a Sestri. Organizzeremo riunioni per valutare se è possibile trovare opzioni che possano andare incontro ai cittadini e alle attività commerciali».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Certo che non le reputano particolarmente importanti, nessuno di loro vive a Sestri e nessuno di loro sa cosa ha voluto quotidianamente dire il traffico che si è riversato e si riversa ancora sulle vie della nostra delegazione che già da sola ha un traffico difficilmente gestibile. È pur vero che la gestione dell’emergenza non poteva essere condotta meglio ma a sestri al momento oltre a via Giotto c’è anche viale Carlo Canepa percorribile solo in una direzione per più di 3/4...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incidente in Ansaldo, muore operaio 42enne

  • Cronaca

    Esche killer, partono le ronde per proteggere i cani: «Oltre 100 persone in strada»

  • Economia

    Imprese, dal Comune sconti sulle tasse per chi investe sulla città

  • Cronaca

    Il presidente Mattarella in visita a Genova, scattano i sopralluoghi di sicurezza

I più letti della settimana

  • Incidente in corso Europa, schianto fatale per Federico Fontana

  • Il cordoglio per la scomparsa di Federico: la Brigata Speloncia annulla la giornata al Pio Signorini

  • Cadavere murato in una villa nel milanese, potrebbe essere scomparso da Genova

  • Incidente in Ansaldo, muore operaio 42enne

  • Auto ribaltata in autostrada, traffico bloccato

  • Allame parvovirosi, morti sei cani in pochi giorni in città

Torna su
GenovaToday è in caricamento