Droga tra la frutta e la verdura, arrestato fruttivendolo pusher

A mettere gli agenti del commissariato sulle tracce di un 42enne di origini tunisine sono stati i residenti di una via di Sestri Ponente, allarmati nel vedere strani traffici all'interno del negozio

Arrotondava gli incassi vendendo nel suo negozio, oltre a mele e arance, anche droga. I suoi traffici non sono per sfuggiti ai residenti del quartiere, che alla fine lo hanno fatto arrestare.

In manette è finito un 42enne di origini tunisine, titolare di un negozio di frutta e verdura a Sestri Ponente. A mettere gli agenti del commissariato sulle sue tracce sono stati, come detto, gli abitanti della zona, che hanno più volte segnalato la presenza di clienti “particolari” all’interno dell’esercizio commerciale. I poliziotti lo hanno dunque messo sotto sorveglianza, finendo per cogliere sul fatto il fruttivendolo, che dopo avere venduto della frutta a una coppia di anziani coniugi ha venduto a un altro cliente una dose di droga in cambio di 45 euro.

Un controllo più approfondito ha portato alla luce, tra le cassette, altri 5 grammi di droga. L’uomo è stato quindi arrestato con l’accusa di spaccio, e processato in mattinata per direttissima.

Potrebbe interessarti

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

I più letti della settimana

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Schianto in moto in Francia, muore centauro genovese

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

Torna su
GenovaToday è in caricamento