Controlli negli stabilimenti balneari, sequestrati 24 chilogrammi di pesce

L'operazione è stata condotta dagli agenti della polizia Municipale e dai militari della Guardia Costiera. Il titolare del ristorante costretto a pagare una multa di 1.500 euro

Immagine di repertorio

Ventiquattro chili di pesce sequestrati e 1.500 euro di multa. Questo il bilancio di un controllo eseguito martedì 24 luglio dalla polizia Municipale e dalla Guardia Costiera, negli stabilimenti balneari e attività commerciali. Il nucleo investigativo ha passato al setaccio i prodotti ittici di un ristorante, situato tra il centro cittadino e Quarto, e ha esaminato le informazioni sulla tracciabilità dei prodotti conservati. 

L’attenzione dei militari si è concentrata sulla documentazione relativa alla provenienza delle varie specie ittiche e la completezza delle informazioni per i consumatori. L’ispezione ha permesso di individuare una partita di 24 chilogrammi di calamari, polpi, orate e branzini priva di certificazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il titolare ha ricevuto una sanzione di 1.500 euro per la violazione delle norme sulla tracciabilità dei prodotti alimentari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

Torna su
GenovaToday è in caricamento