Sequestrata dai carabinieri una tartaruga palustre americana abbandonata: «Specie aliena, ha invaso i nostri ambienti»

I militari del nucleo Cites di Genova hanno sequestrato a Rapallo un esemplare adulto di Trachemys scripta abbandonato e ritrovato nel centro abitato

A Rapallo i carabinieri del nucleo Cites di Genova hanno sequestrato un esemplare adulto di tartaruga palustre americana, Trachemys scripta, abbandonato e ritrovato nel centro abitato. Il reato contestato al momento a ignoti è di rilascio nell’ambiente di specie esotiche invasive di rilevanza unionale.

Una specie "aliena" che ha invaso i nostri ambienti naturali

A quanti sarà capitato di comprare una tartarughina d’acqua al proprio figlio a una fiera paesana, o di vincerla al Luna Park? Quelle simpatiche bestiole, vendute tipicamente nella classica vaschetta con la palma di plastica, sono in realtà animali esotici originari dell’America che col tempo hanno invaso i nostri ambienti naturali a discapito di specie autoctone come la Emy orbicularis, tartaruga una volta ampiamente diffusa anche nei vari corsi d’acqua della Liguria e oggi divenuta rara.

Infatti questi rettili, oltre ad essere perfettamente adattabili al nostro clima, nonostante alla nascita siano grandi poco più di una moneta da 2 euro e perciò molto attraenti e facilmente gestibili, sono piuttosto longevi e ad accrescimento quasi continuo. Questo ha fatto sì che molti di questi animali, una volta raggiunte dimensioni tali da non poter più essere detenute in un semplice appartamento, venissero abbandonate nell’ambiente da persone poco avvedute che, pensando magari di fare il bene dell’animale commettevano in realtà un grossissimo danno all’ecosistema.

Le norme dell'Unione Europea

L’Unione Europea ha deciso di regolamentare questo deleterio fenomeno stilando una lista di “specie esotiche invasive” da sottoporre a tutte le restrizioni possibili al fine di limitarne il più possibile la diffusione e prevedendo anche, qualora fattibile, l’eradicazione dall’ambiente.

Chi deteneva questi animali già da prima che entrasse in vigore la legge, è autorizzato a continuare a detenerle per tutta la vita naturale dell’animale facendo una semplice e gratuita denuncia di possesso al Ministero dell’Ambiente in modo da evitare le relative sanzioni previste dalla normativa di recepimento nazionale, il Decreto legislativo n. 230 del 2017, le quali vanno dai 150 ai 20.000 €.

Purtroppo proprio lo spettro di eventuali sanzioni, in assenza di adeguata conoscenza delle possibilità offerte dalla stessa normativa, può aver indotto alcune persone poco rispettose della natura ad abbandonare nell’ambiente questi animali.

Cosa bisogna fare

È bene ricordare che basta effettuare la semplice denuncia di possesso al Ministero attraverso il modulo scaricabile sul sito internet ufficiale https://www.minambiente.it/pagina/specie-esotiche-invasive per evitare sanzioni amministrative e soprattutto per evitare di commettere azioni ancor più gravi sia sotto il profilo ambientale che giuridico commettendo un reato.

Il modulo compilato può essere trasmesso al Ministero dell’Ambiente attraverso la modalità che si preferisce tra la posta elettronica certificata, il fax o la raccomandata A/R, e la semplice attestazione di trasmissione costituisce titolo idoneo alla legittimazione del possesso.

Bisogna affrettarsi però, c’è tempo solo fino al 31 agosto prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

Torna su
GenovaToday è in caricamento