Rapallo: maestro insulta studenti elementari, genitori non mandano figli a scuola

Caso eclatante in una scuola elementare di Rapallo, dove un maestro è accusato dai genitori degli allievi di insultare e lanciare astucci ai bambini. Per protesta studenti a casa da una settimana

Caso più unico che raro e che sta destando molto scalpore a Rapallo. Dieci alunni su 16 di una terza elementare della scuola Marconi non frequentano le lezioni da una settimana, il motivo? I genitori li tengono a casa per protestare contro il maestro, un uomo di circa 50 anni, accusato di insultare gli scolari fino addirittura a lanciare contro loro gli astucci.

La vicenda, è raccontata da Il Secolo XIX nell'edizione Levante, e comincia qualche mese fa quando una segnalazione interna alla scuola evidenziava gli strani comportamenti dell'uomo dai metodi d'insegnamento molto rigidi.

Dopo una prima riunione con i genitori, la situazione sembrava si fosse risolta anche per il periodo di assenza dell'insegnante, ma al suo ritorno, dopo le vacanze natalizie, il problema si è ripresentato più accentuato, tanto che la dirigente scolastica ha affiancato al maestro una insegnante di sostegno.

Fino alla settimana scorsa quando i genitori di quasi metà classe hanno deciso di tenere a casa i propri figli. La vicenda passa nelle mani della Direzione Regionale ligure.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Corso Europa, identificate le due vittime

  • Dopo vent'anni di attività chiude Foot Locker

  • Il meglio del weekend a Genova: Hogwarts Express, focaccette di Crevari, teatri e tanto altro

  • I migliori ristoranti sushi all-you-can-eat di Genova: la guida 2020

  • Cassano torna in campo: nuova esperienza in Aics con tripletta all'esordio

  • Aggredita e rapinata da tre giovani mentre rientra a casa

Torna su
GenovaToday è in caricamento