Scuola, sit-in di protesta degli insegnanti precari davanti alla prefettura

La manifestazione, organizzata a livello nazionale, punta a sensibilizzare le istituzioni sulla necessità di regolarizzare i protagonisti dell'istruzione

Basta precariato: anche dal mondo della scuola si alza il grado dei lavoratori in cerca di stabilità, e martedì mattina davanti alla prefettura di Genova, in largo Lanfranco, si è tenuto un sit-in di protesta organizzato dalle sigle sindacali per chiedere la stabilizzazione degli insegnanti precari.

La mobilitazione è stata dichiarata a livello nazionale, e i sit-in sono stati organizzati davanti a diverse prefetture e uffici scolastici in tutta Italia: la richiesta è quella di «rimuovere le criticità che mettono a rischio il nuovo anno scolastico, prevedendo una fase transitoria di immissioni in ruolo per assumere gli abilitati e i docenti di terza fascia con tre anni di servizio«, e ancora coprire con immissioni in ruolo tutti i posti liberi - compresi quelli resi disponibili dalla cosiddetta “Quota 100” - e incrementare i posti disponibili nel sostegno.

I lavoratori restano in presidio sino alle 12, slogan della manifestazione #iolavoroascuola.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni europee e amministrative, si vota fino alle 23

  • Cronaca

    Scontri in piazza Corvetto, dimesso dall’ospedale il giornalista ferito

  • Cronaca

    La cena non gli piace: aggredisce la madre disabile e minaccia di ustionarla

  • Cronaca

    Busalla, incendio in un'azienda: a fuoco un camion

I più letti della settimana

  • Costa Crociere assume, 300 posti disponibili a bordo: come partecipare alle selezioni

  • Genoa: incubo retrocessione, tutti i calcoli per la salvezza

  • Auto travolge scooter fermo, quattro feriti

  • Ritrovata la ragazzina scomparsa giovedì a Pra'

  • Forte odore di marijuana nelle scale del palazzo, i carabinieri bussano alla porta

  • Incidente a Genova Est, cinque feriti

Torna su
GenovaToday è in caricamento