Costruzioni, verso lo sciopero generale: il 15 marzo 500 edili liguri a Roma

Venerdì stop a tutte le attività nei cantieri e nelle fabbriche per protesta contro l'emorragia di posti di lavoro nel settore. Nutrita la delegazione ligure

Saranno circa 500 gli operai edili liguri che venerdì partiranno verso Roma per partecipare allo sciopero nazionale legato al mondo delle costruzioni.

La conferma è arrivata dai rappresentanti regionali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, che hanno reso noti i preoccupanti numeri legati al settore: oltre 600mila i posti di lavoro persi negli ultimi 10 anni in Italia, 7mila solo in Liguria, dove sono sparite circa 4mila imprese.

«Il prossimo 15 marzo si fermeranno i cantieri, le fabbriche del legno e dell’arredo, le cave e le fornaci, le cementerie per l’intera giornata con migliaia di lavoratori e disoccupati che manifesteranno a Roma a sostegno delle proposte concrete e fattibili su cui il Governo non vuol confrontarsi - fanno sapere i sindacati - Per rilanciare il paese occorre una politica industriale in grado di sostenere e dare sviluppo all’intera filiera delle costruzioni: dall’edilizia ai materiali, dal settore del legno e arredo al cemento, dai lapidei al settore dei laterizi. Abbiamo chiesto un tavolo a Palazzo Chigi per dare una risposta alle oltre 600mila persone che hanno perso il lavoro e al milione che rischia di perderlo. In Liguria negli ultimi 10 anni siamo passati da 7.500 imprese a circa 3.500 con gli iscritti alla Cassa Edile che sono scesi da 20mila agli attuali 13mila».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le altre richieste avanzate dai sindacati, un nuovo piano di investimenti per avviare le opere e il completamente di quelle incompiute, una revisione del Codice degli Appalti, misure per favorire la ricerca tecnologia e nuovi investimenti mirati in grado di risollevare le sorti del settore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

Torna su
GenovaToday è in caricamento