Truffa telefonica in tabaccheria, bottino cinquemila euro

I carabinieri sono riusciti a identificare l'autore di una truffa ai danni di un bar tabaccheria di Santa Margherita. Il 61enne era riuscito a farsi ricaricare le carte Postepay e Paysafecard, spacciandosi per tecnico Sisal

Immagine di repertorio

I carabinieri della stazione di Santa Margherita Ligure, a conclusione di attività di indagini svolte a seguito di una querela sporta da una 48enne di Recco, hanno denunciato per truffa un operaio 61enne di Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest'ultimo è stato identificato quale autore della truffa effettuata il 23 maggio scorso ai danni della donna, titolare di un bar tabaccheria a Santa Margherita. Il 61enne ha contattato telefonicamente la vittima, qualificandosi come tecnico della Sisal, e con artifizi e raggiri l'aveva indotta a ricaricare le carte Postepay e Paysafecard per la somma complessiva di circa cinquemila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

Torna su
GenovaToday è in caricamento