Ventuno euro per fare da San Martino a Quarto in taxi, indaga la polizia

Un passeggero si è visto costretto a pagare oltre 20 euro per un tragitto di 2,5 chilometri. A suo modo di vedere la spiegazione sta nel fatto che il tassametro era tarato sulla tariffa notturna feriale. Se sia davvero così lo chiarirà la polizia

Secondo il suo parere sarebbe stato truffato e così si è presentato alla polizia per sporgere denuncia. Il tutto è avvenuto questa mattina. Un passeggero ha dichiarato di essere salito su un taxi nei pressi dell'ospedale San Martino, chiedendo di essere portato all'Asl di via Maggio. Al termine della corsa viene richiesto il pagamento di 20,80 euro (lunghezza del percorso 2,5 chilometri, tempo stimato sei minuti).

Il passeggero chiede spiegazioni, facendo notare al guidatore che sul tassametro era inserita la tariffa notturna festiva (il numero due che si vede nel display in foto). Ma l'autista non si scompone e ribadisce che la somma è quella. Al passeggero non resta che pagare 21 euro, senza ricevere né resto nè ricevuta, così come messo nero su bianco sul verbale della polizia.

A quel punto il passeggero contatta il numero della cooperativa, racconta l'accaduto, ma per questioni di privacy non gli viene detto chi c'era alla guida. Senza darsi per vinto ha deciso di andare fino in fondo, raccontando tutto alla polizia. Sono in corso indagini per chiarire l'accaduto e accertare se il denunciante sia stato davvero vittima di una truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

  • Le "meraviglie" di Alberto Angela, cosa si è visto

  • Costa Crociere assume, 700 posizioni aperte

  • Travolto da un treno sulla Milano-Pavia, muore 26enne

  • Morta per droga a 16 anni, confermata in Cassazione la condanna per il fidanzato

Torna su
GenovaToday è in caricamento