Dà in escandescenza e allaga con un idrante il pronto soccorso

Pesanti disagi per i pazienti all'ospedale San Martino dopo che una persona senza fissa dimora ha prima dato in escandescenza e ha poi attivato un idrante a muro nella sala d’attesa principale riservata ai pazienti su barella

Intorno alla mezzanotte di lunedì 26 novembre 2018 una persona senza fissa dimora, dopo aver dato in escandescenza, ha allagato, utilizzando un idrante a muro, la sala d'attesa principale al piano terra del pronto soccorso riservata ai pazienti triagiati su barella. A darne notizia è lo stesso ospedale San Martino.

Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine. A fronte dei disagi prodotti, la direzione del pronto soccorso ha richiesto un alleggerimento al 118, dovendo procedere alla bonifica e sanificazione degli ambienti interessati dall'allagamento, ancora in corso.

L'allagamento e la conseguente bonifica dell'area hanno creato disagi ai processi di gestione degli accessi. Intorno alle 10.30 di lunedì i pazienti al primo piano del pronto soccorso risultano essere in 39, in attesa di essere destinati nei reparti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Freddo e vento: scatta l'allerta neve sulla Liguria

  • Cronaca

    Operaio morto in Ansaldo, aperta un'inchiesta. La rabbia dei colleghi: «Non si può morire di lavoro»

  • Cronaca

    Municipale, nuovo sciopero nel giorno della fiera di Sant'Agata

  • Cronaca

    Influenza: aumentano i casi, ma «il picco è ancora lontano». I consigli dell'esperto

I più letti della settimana

  • Incidente in corso Europa, schianto fatale per Federico Fontana

  • Il cordoglio per la scomparsa di Federico: la Brigata Speloncia annulla la giornata al Pio Signorini

  • Incidente in Ansaldo, muore operaio 42enne

  • Cadavere murato in una villa nel milanese, potrebbe essere scomparso da Genova

  • Auto ribaltata in autostrada, traffico bloccato

  • Allame parvovirosi, morti sei cani in pochi giorni in città

Torna su
GenovaToday è in caricamento