Dà in escandescenza e allaga con un idrante il pronto soccorso

Pesanti disagi per i pazienti all'ospedale San Martino dopo che una persona senza fissa dimora ha prima dato in escandescenza e ha poi attivato un idrante a muro nella sala d’attesa principale riservata ai pazienti su barella

Intorno alla mezzanotte di lunedì 26 novembre 2018 una persona senza fissa dimora, dopo aver dato in escandescenza, ha allagato, utilizzando un idrante a muro, la sala d'attesa principale al piano terra del pronto soccorso riservata ai pazienti triagiati su barella. A darne notizia è lo stesso ospedale San Martino.

Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine. A fronte dei disagi prodotti, la direzione del pronto soccorso ha richiesto un alleggerimento al 118, dovendo procedere alla bonifica e sanificazione degli ambienti interessati dall'allagamento, ancora in corso.

L'allagamento e la conseguente bonifica dell'area hanno creato disagi ai processi di gestione degli accessi. Intorno alle 10.30 di lunedì i pazienti al primo piano del pronto soccorso risultano essere in 39, in attesa di essere destinati nei reparti.

Potrebbe interessarti

  • Cenare sul mare: 5 ristoranti da provare a Genova e dintorni

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

I più letti della settimana

  • Incendio all'ultimo piano di un palazzo, abitanti in fuga dalle scale

  • Resta bloccata in un parcheggio e sfonda il cancello con l'auto

  • Paura in porto, una donna si getta dalla nave

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Blitz al circolo privato, diecimila euro di multa al presidente

Torna su
GenovaToday è in caricamento