Cassonetti pieni e rifiuti abbandonati, emergenza a San Cipriano

Troppe falle nel nuovo sistema di raccolta differenziata. La protesta dei residenti corre sui social

Photo credit gruppo Facebook Quelli di San Cipriano

Resta problematica la situazione rifiuti a San Cipriano, soprattutto dopo il crollo del ponte Morandi, e i residenti del piccolo centro della Val Polcevera si consultano sui social per trovare una soluzione all'emergenza. 

Il problema, in particolare, riguarda il nuovo sistema di raccolta differenziata; nonostante siano passati ottanta giorni dal posizionamento dei bidoni e dalla distribuzione delle chiavi ai condomini, la macchina dello sgombero rifiuti sembra non ingranare.

Lo dimostrano le numerose segnalazioni e foto di cassonetti straripanti di rifiuti. Nel frattempo la protesta corre sui social e gli utenti fanno appello al comune di Serra Riccò e ad Amiu per essere informati sui fatti:  «La distribuzione dei contenitori è terminata? Tutti i condomini e le attività sono state dotate dei nuovi contenitori? Da cosa dipende il mancato svuotamento dei bidoni?». Sono le domande con cui, in un lungo post su Facebook, i residenti esprimono la necessità di trovare una soluzione al problema. 
 

Potrebbe interessarti

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Superenalotto, in Liguria un'altra vincita

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

Torna su
GenovaToday è in caricamento