Ruba, scappa e torna indietro per farsi ridare il cellulare: arrestata

La ladra è fuggita abbandonando la borsa con la refurtiva, ma poco dopo è tornata nella profumeria in cui aveva rubato, pretendendo di farsi ridare il cellulare che era finito insieme alla merce rubata

Venerdì pomeriggio i poliziotti dell’U.P.G. hanno arrestato per rapina impropria una ventisettenne di origini marocchine, già nota alle Forze dell’Ordine per numerosi reati contro il patrimonio.

È successo tutto all’interno di una profumeria di via San Vincenzo, dove la commessa ha notato un uomo e una donna aggirarsi con fare sospetto fra gli scaffali e rubare cinque confezioni di profumo per un valore totale di 300 euro circa.

All’uscita del negozio i due hanno accelerato il passo tendando di darsi alla fuga; l’uomo è riuscito a fuggire mentre la donna è stata fermata dalla commessa con l’aiuto di una cliente. La ladra, a forza di spintonate, è riuscita a divincolarsi ed è scappata, abbandonando la borsa contenente la refurtiva.

Dopo aver percorso solo pochi metri la giovane è ritornata nell’esercizio commerciale, pretendendo di riavere il telefono cellulare che aveva lasciato nella borsa con i profumi rubati.

Grazie alla sua impudenza, la Polizia giunta sul posto immediatamente, ha potuto arrestarla in flagranza di reato.

Potrebbe interessarti

  • La triste leggenda del costruttore della Lanterna

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

  • Il fantasma "maleducato" delle Mura dello Zerbino

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Weekend lungo di Ferragosto a Genova e provincia: fuochi d'artificio, sagre, cultura e tanto altro

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • Scossa di terremoto avvertita anche in Liguria

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Litigio tra ubriachi sulla spiaggia di Voltri, paura tra i bagnanti

Torna su
GenovaToday è in caricamento