Non gli servono la pizza, spacca il vetro e sputa sul titolare. Poi denuncia: «Mi hanno derubato»

È successo sabato sera in via Vezzani, a Rivarolo. Denunciato un 31enne di origini nigeriane che ha scatenato il caos dopo il rifiuto di una pizzeria di farlo entrare e servirlo

Voleva mangiare una pizza all'interno della pizzeria, regolarmente chiusa così come disposto dal decreto "io resto a casa" contro il coronavirus, e al rifiuto del titolare gli si è scagliato contro sputandoli e poi distruggendo il vetro della porta d'ingresso.

È successo sabato sera in via Vezzani, a Rivarolo, una scena cui hanno assistito attoniti tutti i residenti della zona e che ha finito anche per essere immortalata in video: pochi secondi in cui si vede un uomo accompagnato fuori dalla pizzeria inveire contro le persone all'interno e poi buttarsi contro la porta, spaccando il vetro come fosse carta velina.

A ricostruire quanto accaduto hanno pensato i poliziotti del commissariato di Cornigliano, intervenuti su richiesta del titolare della pizzeria, che ha raccontato che intorno alle 20 un uomo - identificato poi in un 31enne di origini nigeriane - è entrato nel locale nonostante la presenza di un cartello che indicasse il solo servizio da asporto e ha ordinato una pizza. Al rifiuto di servirgliela all'interno, il 31enne ha dato in escandescenze, insultando e poi sputando verso il personale. A fatica è stato portato fuori, ma una volta sul marciapiede non si è dato per vinto e si è gettato contro la porta rompendo il vetro e cadendo a terra sui cocci.

A quel punto - come si vede anche dal video - si è alzato, ha raccolto una busta della spesa che aveva lasciato fuori ed è scappato. Al loro arrivo, i poliziotti non hanno potuto fare altro che raccogliere la testimonianza del titolare della pizzeria, requisire il video che immortalava l'aggressione ed esplorare i dintorni, senza esito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sembrava che tutto fosse finito così, ma qualche ora dopo, intorno a mezzanotte, i poliziotti sono nuovamente intervenuti in via Vezzani, all'altezza dell'incrocio con via Pallavicini, per la richiesta di aiuto da parte di una persona che denunciava di essere stata derubata. Al loro arrivo, gli agenti hanno subito identificato l'uomo che stava aspettando le volanti nell'autore dell'aggressione di qualche ora prima. L'uomo ha raccontato di essere stato avvicinato da «quattro sconosciuti dalla pelle chiara» che lo avevano «aggredito e rapinato» di 35 euro. Peccato che nel portafoglio ci fossero circa 200 euro in contanti, e che non portasse tracce di aggressioni a eccezione dei tagli sul volto e degli strappi sui vestiti causati dai vetri rotti. Per il 31enne, dunque, è scattata la denuncia per danneggiamento aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto fatale con un'auto, addio a Emanuele Bonzani

  • Schianto auto-scooter in Albaro, muore 54enne

  • Trovato morto sulle alture di Sestri Ponente, lutto per Giuseppe Terramagra

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • Coronavirus, Bassetti: «Il virus sembra avere perso forza, basta con il bollettino delle 18»

  • Liguria ufficialmente riaperta. Novità e divieti con le ultime ordinanze

Torna su
GenovaToday è in caricamento