In coma dopo vaccino influenza, famiglia si deve pagare anche spese mediche

Renzo Massa, idraulico genovese di 66 anni, nel 2011 è entrato in coma vegetativo dopo aver fatto il vaccino antinfluenzale. La famiglia lancia un appello e sottolinea lo stato di abbandono in cui è stata lasciata dalle istituzioni

Da due anni Renzo Massa si trova in coma vegetativo. L'uomo, un idraulico genovese di 66 anni, aveva fatto il vaccino per l'influenza nel dicembre del 2011. Dopo sette giorni era entrato in coma: non parla, non mangia e non si muove dal letto.

Oggi i familiari, come riporta il Corriere Mercantile, hanno lanciato un appello dopo essere stati "lasciati soli da tutti". I figli raccontano di come siano costretti a pagare gran parte delle spese mediche e di come una richiesta di indennizzo sia stata respinta dall'Asl 3 perchè il vaccino anti influenzale non è trattamento obbligatorio ma facoltativo.

Del caso ha promesso di occuparsene anche l'assessore regionale alla sanità Claudio Montaldo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento