Registro delle famiglie, manifestazione davanti all'anagrafe

Lo scorso 22 gennaio il consiglio comunale aveva approvato una serie di ordini del giorno che prevedono benefici e agevolazioni solo per le famiglie iscritte nel Registro

Comitati e associazioni si sono ritrovati questa mattina davanti all'anagrafe in corso Torino a Genova per manifestare contro il Registro delle famiglie, istituito dal Comune di Genova nel settembre 2018, cui possono iscriversi soltanto coppie sposate (o separate ma senza divorzio) con figli conviventi. Escluse dunque quelle conviventi, divorziate o dello stesso sesso.

Dopo l'istituzione del Registro delle Famiglie, lo scorso 22 gennaio il consiglio comunale aveva approvato una serie di ordini del giorno che prevedono benefici e agevolazioni per le famiglie che vi sono iscritte. Tra queste, sconti per Amt e per il pass di Genova Parcheggi, per l'erogazione delle certificazione anagrafiche e per l'utilizzo del taxi. Le famiglie iscritte, inoltre, avranno un punteggio superiore nelle graduatorie per l'assegnazione delle case popolari e deroghe per l'ingresso nelle zone a traffico limitato.

I manifestanti sono entrati nel palazzo e hanno fatto iscrizioni al Registro e reclami. Al presidio aderiscono oltre 20 tra gruppi politici, associazioni, comitati e cooperative, tra cui Arci Genova, Anpi Liguria, il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico, e ancora Liguria Possibile, Genova Che Osa, Lista Crivello, Associazione Scuola Daneo e Cgil.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

  • Le "meraviglie" di Alberto Angela, cosa si è visto

  • Costa Crociere assume, 700 posizioni aperte

  • Travolto da un treno sulla Milano-Pavia, muore 26enne

  • Morta per droga a 16 anni, confermata in Cassazione la condanna per il fidanzato

Torna su
GenovaToday è in caricamento