Tre farmacie rapinate in dieci giorni, arrestato un ex operaio incensurato

L'operazione è stata condotta dalla polizia. In manette un 49enne genovese, presunto autore di tre colpi ai danni di altrettante farmacie in via D'Albertis, vico della Casana e via Polleri

È stato arrestato il rapinatore seriale che aveva colpito in almeno tre farmacie genovesi nell'ultimo mese, destando preoccupazione tra la categoria.

Le indagini, portate avanti dalla Squadra Mobile e coordinate dalla Procura della Repubblica di Genova, con il pm Scorza, hanno avuto una svolta decisiva quando è stato possibile sviluppare i fotogrammi tratti dai video delle telecamere di sorveglianza della prima farmacia colpita. Un fatto determinante, insieme con il capillare servizio antirapina degli uomini della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso.

In un primo momento le indagini hanno preso in esame le foto segnaletiche dei pregiudicati che potevano assomigliare al rapinatore. Ma nessuno di essi corrispondeva alla descrizione dell'uomo. Così gli agenti hanno iniziato a monitorare i luoghi frequentati dai senza fissa dimora. Nella mattinata di lunedì 27 marzo 2017 un possibile sospetto è stato individuato nei pressi dell'Asilo Notturno Massoero in vico Palla e tenuto d'occhio per il resto della giornata.

Nel tardo pomeriggio il genovese di 49 anni è stato bloccato all'esterno della farmacia di Carignano dagli agenti prima che potesse mettere a segno l'ennesima rapina: l'uomo, disoccupato e incensurato, è stato trovato in possesso di tutti gli indumenti che aveva utilizzato per commettere le ultime rapine e del particolare coltello con manico in legno, adoperato per minacciare i farmacisti.

VIDEO | L'ultimo colpo del rapinatore seriale

screenshot-2

Non è chiaro se a Carignano il 49enne stesse per compiere un'altra rapina: a farlo esitare potrebbe essere stata la presenza di diverse persone all'interno della farmacia, fra le quali uomini. Negli altri colpi infatti il malvivente aveva preso di mira dei bersagli ben precisi, individuati per le possibili vie di fuga e per il sesso femminile delle vittime, da cui era improbabile ottenere una reazione violenta.

Il malvivente è con tutta probabilità lo stesso che ha commesso le rapine del 16 marzo nella farmacia Nostra Signora del Monte in via D'Albertis, dove erano stati rubati 1.200 euro circa, quella del 22 marzo presso la farmacia Casana di vico della Casana, rubando 500 euro, e la tentata rapina del 23 marzo in danno alla farmacia del Carmine di salita Polleri, che non era riuscita solo grazie alla pronta reazione di una delle farmaciste. La donna si era insospettita per l'abbigliamento dell'uomo, vestito con sciarpa e cappello nonostante la temperatura primaverile. Il suo intuito l'ha salvata.

Del bottino, 1.700 euro in totale, non è stato trovato nulla. Da tempo il rapinatore, con un passato da operaio e autotrasportatore, non lavorava. Cosa l'abbia spinto a iniziare a delinquere non è ancora chiaro, fatto sta che in dieci giorni è riuscito a spendere quasi duemila euro. L'arresto è stato convalidato e nelle prossime ore l'uomo, M. P. le sue iniziali, verrà interrogato.

Con l'arresto di oggi, gli agenti della squadra mobile ligure hanno individuato tutti gli autori delle rapine consumate ai danni di farmacie dall'inizio dell'anno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La curiosità: perché a Genova ci sono tante finestre dipinte sui palazzi?

  • La curiosità: perché a Genova i numeri civici sono di due colori diversi?

  • Le migliori sagre dell'autunno 2019 a Genova e provincia: dove e quando

  • Piante di marijuana alte due metri, quarantenne nei guai

  • Incidente in porto, tre operai feriti

  • Amt, l'orario invernale porta con sé alcune novità

Torna su
GenovaToday è in caricamento