Porta a porta: bidoncini e sacchetti con microchip ecco come cambia la raccolta differenziata

La città è stata suddivisa in zone di quattro diversi colori per distinguere le zone "vocate" e quelle "scarsamente vocate"

Si punta sulla raccolta differenziata porta a porta in città, con l'obiettivo di raggiungere il 40% già entro la fine di quest'annno e il 65% entro il 2020.

Il progetto del Consorzio nazionale per il recupero degli imballaggi in collaborazione con Amiu e Comune è stato presentato a Palazzo Tursi dal responsabile del Conai per i Rapporti con i Territori Luca Piatto e dall'assessore comunale all'Ambiente Italo Porcile.

Per riuscire nell'intento e monitorare meglio i diversi quartieri, Genova è stata divisa in aree di quattro colori: il verde è per le zone "vocate" (circa 19mila abitanti), il giallo per quelle "a prevalente vocazione" (102mila cittadini), l'arancione per le zone "con fattori penalizzanti" (306mila abitanti, la maggioranza) e il rosso per quelle "scarsamente vocate" (165mila abitanti).

Partiranno per prime le aree in cui sarà più semplice procedere, ovvero quelle verdi e gialle (buona parte dei territori del Municipio Levante, Media Val Bisagno, Valpolcevera, Ponente), tra la fine dell'anno e l'inizio del 2017: un'operazione che coinvolgerà in totale circa 125mila cittadini. 

Dal 2017 al 2019 si passerà alle zone arancioni e rosse (buona parte del Municipio Centro Ovest, Centro Est, Bassa Val Bisagno, Medio Ponente e Medio Levante).

La raccolta porta a porta verrà effettuata con bidoni condominiali, oppure mastelli o sacchetti con microchip, a seconda delle diverse realtà cittadine, sulla scia delle sperimentazioni di Quarta alta e Colle degli Ometti che verranno avviate a maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo? Poter arrivare, in futuro, a una tariffa puntuale calcolata sull'effettiva quantità dei rifiuti prodotti dal singolo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

  • Sampierdarena, ubriachi devastano un locale e minacciano di morte il proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento