Neonato morto a Quezzi, concessi i domiciliari a mamma e nonna

Le due donne dovranno stare in due appartamenti diversi con assoluto divieto di contatti tra di loro. Per il gip esiste il pericolo di fuga

A differenza del 'santone', Osas Okundaye, che ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere, mamma e nonna del neonato hanno risposto alle domande del giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni. Quest'ultima ha deciso di concedere gli arresti domiciliari alle due donne, Katherine Aigbodion, 45 anni, e Maris Anetor, 25 anni.

I tre sono accusati della morte del neonato, ospitato in un'abitazione di Quezzi nella notte tra martedì e mercoledì scorsi dopo una circoncisione fatta in casa. Mamma e nonna dovranno stare in due appartamenti diversi con assoluto divieto di contatti tra di loro. Per il gip esiste il pericolo di fuga. Il 'santone' invece si trova in carcere a Imperia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo proseguono le indagini per chiarire se Okundaye in passato abbia eseguito altri interventi rituali su bambini piccoli. Nei prossimi giorni l'autopsia sul bimbo morto a Quezzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento