«Che cos'è la legalità?», 400 bambini e ragazzi protagonisti del nuovo progetto della polizia

Giovedì 30 maggio 2019 si è tenuta nella palestra di via Cagliari, a Marassi, la giornata conclusiva della seconda edizione del concorso nazionale “PretenDiamo legalità, a scuola con il Commissario Mascherpa"

Giovedì 30 maggio 2019 si è tenuta nella palestra di via Cagliari, a Marassi (Pgs Auxilium), la giornata conclusiva della seconda edizione del concorso nazionale “PretenDiamo legalità, a scuola con il Commissario Mascherpa”. Un progetto realizzato dalla Polizia in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione e dedicato alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. A ispirare il progetto il Commissario Mascherpa, personaggio principale del graphic novel a episodi edito in esclusiva dal mensile ufficiale della Polizia di Stato “Polizia
Moderna”.

All’edizione genovese hanno partecipato sette istituti scolastici per un totale di circa 400 allievi: I.C. Teglia, I.C. Pontedecimo, Istituto Don Roscelli, I.C. Centro Storico, I.C. Voltri 2, I.S.S. Giovanni Caboto e Liceo artistico statale Klee-Barabino.

Gli studenti più piccoli sono stati accolti negli uffici della Questura e hanno partecipato a laboratori finalizzati alla riflessione sull’importanza della legalità e della sicurezza nella vita di tutti i giorni. Per i più grandi, invece, è stato progettato un originale laboratorio interattivo, per sensibilizzarli sui pericoli e sui danni fisici e psichici che possono derivare dall’uso di sostanze stupefacenti, stimolare in loro la riflessione e promuovere scelte consapevoli e corretti stili di vita.

Gli stessi studenti, nell’occasione, hanno vestito i panni di veri e propri investigatori chiamati a risolvere un “caso” di Polizia, con il supporto degli operatori dell’Urp., della Squadra Mobile, della Polizia Scientifica, delle Volanti e della Squadra Cinofili.

Nel corso della mattinata i ragazzi, dopo essersi divertiti con un quiz sulla legalità hanno anche fatto merenda con i prodotti offerti dalla Coop, hanno ascoltato con entusiasmo il poliziotto rapper Ravman, Sebastiano Vitale, che ha cantato due dei suoi inediti autoprodotti, dal titolo “Riduci la velocità” e “Musica contro le mafie”. Il primo scritto per incitare i ragazzi a riflettere sulle conseguenze della guida in stato d’ebbrezza ed il secondo come denuncia contro la mafia. Brani ricchi di contenuti che, in modo diretto e senza stereotipi, veicolano importanti messaggi sulla legalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla presenza del questore Ciarambino, del vice-prefetto Giacobone e del cardinale Angelo Bagnasco, sono stati infine premiati i lavori che gli studenti hanno elaborato a partire dai temi “Con le regole si vive meglio Insieme” e “Impara a fare le scelte giuste…Puoi cambiare il mondo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento