Clochard aggrediti a Piccapietra, confermate le pene

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne per i quattro picchiato che, il 25 gennaio 2014, massacrarono due coppie a sprangate

Confermate in Cassazione le pene imposte ai quattro picchiatori che, il 25 gennaio 2014, massacrarono a sprangate due coppie di clochard sotto i portici di Piccapietra.

Secondo la sentenza restano in carcere il 26enne Michael Krauler e il 34enne Martin Krocka, i due slovacchi ritenuti responsabili della violenza. Dovranno scontare rispettivamente 11 anni e 2 mesi e 12anni per essere stati il regista e il braccio destro della spedizione punitiva. 

Setti anni, nove mesi e dieci giorni per il tunisino Ahmed Dridi (21 anni) e per l'albanese Karlo Bilani (20 anni). 

A pesare sulla sentenza della Corte di Cassazione il fatto che nessuno dei picchiatori abbia mai manifestato in modo concreto il pentimento. 

Le vittime, difesi dagli avvocati Luca Cesareo, Raffaele Caruso e Silvia Bevegni, sono sopravvissute. Jan Bobak (37 anni) con una ferita permanente alla fronte a causa della sprangata ricevuta in pieno volto è restato in città con la moglie Alice. I cinquantenni Jonas Kolomon e sua moglie Susan Jonosova si sono invece trasferiti in Germania. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento