Pegli, suona alla porta per proporre un cambio di contratto ma viene accolto con un fucile

È successo ieri pomeriggio: un pensionato ha minacciato con un fucile un ragazzo di 18 anni che voleva proporgli un cambio di contratto per l'energia elettrica. È stato arrestato

Quando ha visto quel ragazzo elegante - in camicia e cravatta - dall'altra parte dello spioncino, che voleva illustrargli nuove offerte contrattuali per la fornitura dell'energia elettrica, non ci ha pensato due volte: ha aperto la porta, sì, ma lo ha minacciato di morte con un fucile.

Così è finito in manette un pensionato di 68 anni residente a Pegli, in viale Villa Gavotti. Dopo essere stato minacciato, il ragazzo, un 18enne di origine romena residente a Genova, impaurito, ha chiamato il 112.

L'anziano non si è mostrato affatto pentito, anzi, ha ammesso di aver utilizzato questo "metodo" almeno un'altra volta: è stato dunque arrestato per minaccia e violenza privata aggravata commessa con armi dai carabinieri della compagnia di Arenzano. Questa mattina il rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento