Partita del Cuore, raccolto oltre 1 milione per i bimbi malati di tumore

Il ricavato della 27esima edizione del match, giocato a Marassi lo scorso maggio, verrà usato per attivare un laboratorio specializzato per curare in modo mirato infezioni e tumori pediatrici

Oltre un milione di euro da destinare ai progetti di ricerca e cura dei tumori pediatrici dell’Istituto Giannina Gaslini di Genova e dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro: questo il bilancio della raccolta fondi attivata in occasione della 27esima edizione della Partita del Cuore, giocata a Marassi lo scorso 30 maggio.

La cifra totale è di 1.160.500 euro, denaro raccolto grazie alla disponibilità della Nazionale Italiana Cantanti ed ei Campioni del Sorriso, che hanno giocato un match che si è concluso 6 a 3 a favore dei cantanti e che ha tenuto incollati allo schermo 3 milioni e 123mila spettatori.

«Sono orgoglioso di come Genova e la Liguria abbiano risposto - ha commentato il governatore ligure Giovanni Toti - una partecipazione e una generosità che abbiamo avuto modo di rivedere, nostro malgrado questa volta, dopo il crollo del Ponte Morandi quando la città si è rialzata mostrando a tutto il mondo forza e solidarietà. Il ricavato della Partita del Cuore servirà per l’acquisto di macchinari all’avanguardia per fare sempre più del Gaslini una delle eccellenze italiane che la Liguria offre al Paese».

Soddisfatto anche il sindaco Marco Bucci: «Vedere lo stadio pieno di tifosi, con tante famiglie e tanti bambini, assistere a tanto entusiasmo per uno spettacolo di sport con una finalità benefica è stato davvero emozionante. Ancora una volta Genova ha dimostrato di essere una città generosa che non si tira indietro, ma partecipa attivamente laddove c’è bisogno di portare sostegno e aiuto concreto». 

«Lo straordinario successo di questa manifestazione è stato uno dei regali più preziosi ricevuti per l'80esimo anniversario di attività dell'Istituto Giannina Gaslini  grazie alla solidarietà di tantissimi donatori siamo in grado di potenziare e personalizzare ulteriormente le cure per i nostri bambini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’Istituto Giannina Gaslini utilizzerà il ricavato della Partita del Cuore per contribuire all'attivazione di un laboratorio specializzato (Cell Factory) dove cellule prelevate al bambino in cura verranno istruite e reintrodotte per curare in modo mirato infezioni severe e tumori pediatrici - ha spiegato  Paolo Petralia, direttore Generale della struttura - Proprio per sviluppare questa medicina personalizzata per ogni bambino, verranno anche potenziate alcune ricerche per studiare sia il genoma che le proteine e i prodotti del metabolismo del piccolo paziente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Aggredisce e tenta di stuprare una donna in corso Italia: arrestato 24enne

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Coronavirus, nuovo cluster a Busalla: coinvolte due famiglie

  • Gli escursionisti con la Fiat le loro vittime preferite, arrestati fratelli-ladri

Torna su
GenovaToday è in caricamento